Basket Mestre, arriva Custis per risollevarsi

La società biancorossa ha deciso di “tagliare” Bjegovic, puntando sulla forte guardia statunitense

Non si può dire sia stato indolore lo stop dell’Emme Retail Mestre nel derby contro Caorle; prima di tutto per la classifica, con i grifoni scivolati all’ottavo posto e relativi margini d’errore ridotti ora al minimo nella volata playoff. In secondo luogo per le scelte operate dalla società, la quale ha deciso di “tagliare” dal roster Duro Bjegovic, inserendo nell’ultimo giorno di mercato lo statunitense Steve Custis, guardia classe 1989 di 1 metro e 85. Un altro tentativo della dirigenza di dare una svolta ad una stagione ancora non in linea con le aspettative- tanto della società quanto dell’ambiente- e resa adesso più complicata dalle tre sconfitte in serie contro Arzignano, Oderzo e Caorle.

Inutile dire che, considerati i tempi, la scelta in seno alla dirigenza dev’essere maturata già nelle scorse settimane e deve aver trovato l’avvallo pure della guida tecnica. Ovvio che le reazioni nell’ambiente siano differenti tra loro, anche perché Bjegovic indiscutibilmente è stato un giocatore in grado di creare un buon legame con i tifosi e il suo taglio è normale possa aver prodotto dello scontento. A prescindere da quale opinione- tra chi condivide la scelta societaria e chi invece ne contesta l’utilità- verrà poi confermata sul campo, sarebbe utile rimandare ogni “scontro” alla fine del campionato, quando il basket giocato avrà emesso il suo verdetto; fino a quel momento servirà essere tutti dalla stessa parte, spingendo i grifoni verso gli obiettivi stagionali.

Aldilà di ogni considerazione, comunque, sale la curiosità attorno al nuovo arrivato Steve Custis, il quale andrà a formare nuovamente con il fratello sportivo Saintilus la magica accoppiata protagonista la scorsa stagione a Patti con la casacca dello Sport è Cultura; basta farsi un giro di social network, forum e siti internet per capire l’impatto nella passata C Silver del duo a stelle e strisce, capace di trascinare a suon di prodezze la formazione siciliana in serie B. Custis è risultato essere il miglior marcatore di tutta la categoria a livello nazionale, grazie all’incredibile media di 29.2 punti a partita. Basterà per far compiere il salto di qualità definitivo? La risposta arriverà nelle prossime settimane, nel frattempo i primi indizi potrebbero giungere dalla trasferta di domenica a Castelfranco, dove Custis esordirà con la casacca del Basket Mestre: sul campo del fanalino di coda del campionato, i grifoni sono obbligati a riassaporare il gusto della vittoria.

Gino Drago