“Il BC Mestre merita una sua casa”

Il presidente Guglielmo Feliziani: “E' necessaria per puntare in alto”

“Una casa per il Basket Mestre, un luogo dove il legame tra la squadra e la città possa rinsaldarsi ancor di più. Ecco cosa auguro per i colori biancorossi nel 2017”. Nessun dubbio per il presidente Guglielmo Feliziani nel rispondere alla scontata domanda sui desideri per il prossimo anno. “Potrebbe essere Trivignano, impianto per il quale abbiamo più volte ribadito la nostra disponibilità a sostenere i costi di un ampliamento, ma non abbiamo preconcetti riguardo altre soluzioni. É necessario però trovare quanto prima una struttura adeguata alla nostra crescita, la aspettiamo da troppo tempo”.

L’analisi di Feliziani spazia dal campo (“a differenza degli anni scorsi, sono molto contento della squadra”) a questioni più generali riguardo lo sport mestrino. “Il 2016 è stato un anno in cui abbiamo costruito molto, nonostante degli errori che in una società che si sta strutturando su più livelli possono accadere. Il settore giovanile, con il progetto dell’Academy condiviso con il Leoncino, cresce giorno dopo giorno; ottime risposte anche da Mes3Sport, sinergia trascinata dai risultati del Mestre Calcio che speriamo di seguire anche noi. Mestre è stata troppo a lungo oscurata e invece merita piena dignità: i mestrini devono sentirsi finalmente una comunità e questo processo può essere incentivato anche dai risultati sportivi”.

Sul campo, il sogno resta sempre quello per il BC Mestre targato Emme Retail. “Raggiungere la serie B è un obiettivo che non nascondiamo di avere già da alcune stagioni. Vogliamo però farlo per poter durare a certi livelli, ecco perché abbiamo puntato sull’acquisto a titolo definitivo di molti giovani di prospettiva; affrontare un’eventuale serie B con giocatori di proprietà è ben diverso dal farlo senza un proprio patrimonio tecnico.  Una scelta diversa rispetto a quella di Oderzo, squadra che ha puntato tutto su giocatori senior e che ora come ora, con l’attuale formula che prevede una sola promozione, è ovviamente favorita. Io però sono fiducioso, l’amalgama si sta creando e gli ultimi risultati lo dimostrano. Mercato? La squadra è forte e sappiamo che coach Toffanin è già soddisfatto così, ma se capiteranno delle occasioni per elementi di qualità superiore non ci tireremo indietro”.

Gino Drago