Il Giro 2018 parla anche veneziano: carovana rosa a Cona, Mira, Mirano e Martellago

Il 18 maggio partenza da Ferrara e arrivo a Nervesa della Battaglia, nel Trevigiano. Sarà una tappa che ricorderà i 100 anni dalla fine della Grande Guerra. Il giorno dopo lo Zoncolan

Ogni volta è festa. Ogni volta esplode la passione per le due ruote. Sono state ufficializzate mercoledì le tappe dell’edizione 2018 del Giro d’Italia: la carovana rosa transiterà nel Veneziano venerdì 18 maggio, nel bel mezzo di una tappa che potrebbe riservare qualche sorpresa nel finale sul Montello (l’arrivo sarà a Nervesa della Battaglia, in occasione del centario della conclusione della Grande Guerra). Prima, però, l’altimetria sarà simile a una tavola da biliardo: partenza da Ferrara, poi transito a Rovigo, Treviso e infine le asperità finali.

Il gruppo farà capolino anche per le strade veneziane: in primis transiterà per Cona, dopo aver lasciato il Rodigino, dopodiché si addentrerà nelle campagne padovane (raggiungendo Piove di Sacco) e rispunterà a Campagna Lupia. Da lì in poi sarà una pedalata veneziana, passando poi per Mira, Mirano, virando per Maerne, Martellago e infine raggiungendo Zero Branco, nella Marca. Ci sarà un passaggio anche a Treviso, per poi proseguire per Spresiano fino alla zona del Montello. L’arrivo dopo 180 chilometri, con un percorso che potrebbe agevolare alcune fughe nel tratto finale.

Tanto più che il giorno seguente gli uomini di classifica si daranno battaglia sul “Mostro” Zoncolan. Sabato 19 maggio sarà una tappa durissima, con 5 gran premi della montagna e 4.400 metri di dislivello. Probabile che 24 ore prima i leader transiteranno sulle strade veneziane in gruppo. La 101esima edizione del Giro d’Italia inizierà il 4 maggio e potrà contare alla partenza anche sul dominatore Chris Froome. L’arrivo è previsto il 27 maggio a Roma. Per la prima volta un grande giro partirà al di fuori dai confini europei (tre tappe in Israele). Saranno 3.546,2 i chilometri totali, che prevede 44.000 metri di dislivello. Saranno 2 le tappe a cronometro, 7 a bassa difficoltà, 6 a media difficoltà, 6 ad alta difficoltà e un totale di 8 arrivi in salita.

A.C.M.