Inizia il tour de force

Ormai il Mestre è nel pieno del periodo di match di alta classifica. non solo perchè a soli 4 punti dalla vetta ma perchè, in successione sta affrontando le migliori. Dopo la Feralpisalò e la Sanbenedettese, è toccato al Pordenone, al Ravenna e, domenica in casa, dovrà accogliere la Virtus Bassano di Renzo Rosso. Dopo toccherà al Padova durante il turno infrasettimanale, al Vicenza e al Renate. Come dichiarato dal presidente Stefano Serena «Questa serie di partite ci dirà di che pasta siamo fatti. Affronteremo tutti con il nostro modo di giocare, con rispetto ma senza alcuna paura. Abbiamo finora dimostrato di potercela giocare alla pari con tutti, anche con le squadre nate per la promozione».

Si giocherà alle 14.30 al Mecchia di Portogruaro. In vista della prima delle due sfide “derby” (la seconda sarà all’Euganeo l’8 novembre alle 20.30 contro il Padova) si prevede una grande affluenza di pubblico per cui la società consiglia vivamente di acquistare il biglietto già in prevendita, per evitare code al botteghino. Inoltre ricordiamo sempre che l’acquisto del biglietto in prevendita da il diritto ad usufruire delle navette gratuite, fino all’esaurimento dei posti disponibili, che partiranno dal parcheggio di via Verrazzano alle 12.45 e alle 13.10. Per accedere ai pullman, si dovrà ritirare l’apposito tagliandino presso il Mestre Store, muniti di abbonamento o del biglietto valido per la partita in questione. I biglietti si possono acquistare presso il Mestre Store sotto Casa Mestre fino al 4 novembre dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 18:30. Intanto i ragazzi di Zironelli si preparano in vista della sfida. Rientrerà Gritti dalla squalifica per somma di ammonizioni che l’ha costretto a saltare il Ravenna. Al momento non si registrano defezioni. Anche il Bassano sarà in formazione tipo dal momento che non ha alcun squalificato o infortunato.

Serena fa poi il punto della situazione.  «Credo contro i ravennati si sia visto un Mestre un po’ meno brillante rispetto ad altre partite ma non possiamo nascondere che abbiamo giocato contro una squadra che ha messo un autobus davanti alla porta e noi ci siamo andati a sbattere contro. Non siamo nemmeno stati nemmeno fortunati perché 3/4 palle gol le abbiamo create soprattutto nel primo tempo. Per carità, il Ravenna non ha rubato nulla perché sono scesi in campo per portare a casa almeno un punto dopo 4 sconfitte consecutive e ci sono riusciti. Noi comunque prendiamo un punto che smuove la classifica e che per noi è certamente importante ma sappiamo che c’è un copione che si ripete: chi arriva al Mecchia si chiude per ripartire ma sono certo che il mister troverà altre soluzioni per superare muri come quelli del Ravenna». Poi un accenno alla sfida di domenica prossima.

«Il Bassano è una delle formazioni che ci dirà realmente come siamo. È costruita per salire e conosce da anni la categoria e più volte ha sfiorato la promozione. Credo che il filotto di gare successive contro Padova, Vicenza e Renate potrà rivelare le vere ambizioni di questo Mestre. Ma noi ci concentriamo partita dopo partita ed è questa la nostra forza e per ora abbiamo dimostrato di giocarcela con tutti. Il Bassano sarà un  ottimo banco di prova ed è innegabile che noi diamo il meglio con squadre come queste (basta vedere lo spettacolo sportivo che è uscito dallo scontro con il Pordenone) che giocano a viso aperto cercando sempre la vittoria e di imporre il proprio modo di giocare».

Gian Nicola Pittalis