Kioene, è mancato solo il punto

I bianconeri fanno sudare la capolista che porta a casa l’1-3 finale. Baldovin: «è arrivata la reazione, ora continuiamo così»

Soffre ma vince la Lube in casa patavina. La capolista mantiene la testa della classifica contro una Kioene che ha ritrovato dal primo set Giannotti con Milan inserito in banda al posto di Fedrizzi. L’abile regia di Christenson e i punti decisivi di Sokolov e Juantorena hanno avuto la meglio sui veneti che, rispetto alle ultime sfide, hanno ritrovato maggiore continuità e convinzione nei propri mezzi. Al termine della gara, il lungo applauso che la curva ha dedicato ai bianconeri è stato un bellissimo gesto di vicinanza alla squadra bianconera che ha dimostrato maggiore convinzione nei propri mezzi.

Dopo il match contro Civitanova, la Kioene Padova sarà impegnata per due sfide consecutive in trasferta, la prima delle quali si giocherà venerdì 20 gennaio alle ore 20.30 (diretta Rai Sport 1) sul campo della Gi Group Monza. I bianconeri saranno poi di scena al PalaValentia alle ore 18.00 di domenica 5 febbraio per affrontare la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia.

Valerio Baldovin (coach Kioene Padova): “C’è stata una reazione. A tratti abbiamo giocato un’ottima partita, ma commettiamo ancora troppe ingenuità in alcuni frangenti. Per noi ora la sfida è portare avanti questo tipo di prestazione a prescindere da chi affronteremo”.

Gianlorenzo Blengini (coach Cucine Lube Civitanova): “Mi aspettavo una partita di sofferenza. Non mi fidavo del periodo negativo di Padova, perché immaginavo che avrebbero effettuato qualche cambio ritrovando entusiasmo. A onor del vero, nel secondo set abbiamo faticato molto in attacco e infatti lo abbiamo perso meritatamente. Alla fine contavano i tre punti e quindi ben venga il risultato finale”.

Giuliana Lucca