Martellago: cresce l’attesa per il giro d’Italia

Da Coppi contro Bartali a Pantani contro Zulle, fino ai giorni nostri, con la sfida tra Aru e Fromme.

Il Giro d’Italia propone da sempre rivalità leggendarie. Campioni che, in alcuni casi, finiscono per diventare eroi entrando nell’immaginario di milioni di persone. Ore e ore passate davanti alla tv, col fiato sospeso, per vedere se all’ultimo sprint Aru riuscirà a sorpassare Fromme.

Il Giro d’Italia è una gara meravigliosa. Se guardarlo davanti alla tv trasmette emozioni forti, assistere dal vivo ad una tappa è però tutta un’altra cosa. Ed è per questo che a Martellago e lungo tutto il Miranese si sta respirando un’aria d’attesa, una febbre da Giro che sale di giorno in giorno con l’avvicinarsi dell’evento. Venerdì 18 maggio, infatti, il Giro d’Italia passerà proprio lungo le strade di Martellago e del Miranese che, per l’occasione, si coloreranno di rosa.

Una giornata di festa, che comincerà alle 13 con il saluto al monumento commemorativo dedicato a Toni Bevilacqua. Poi tutti ad assistere alle emozioni della gara. L’ingresso dei ciclisti in Riviera è previsto per le 14:45. Dovrebbero metterci circa trequarti d’ora per attraversare il comprensorio e il Miranese per poi entrare a Zero Branco. Ma oltre ai ciclisti, anche tanta musica e tanti stand; dalle 12 alle 17 piazza Bertati si tingerà infatti di rosa per festeggiare il Giro giunto quest’anno alla centunesima edizione.

La festa per il Giro non sarà però limitata al solo giorno della gara. Confesercenti ha infatti comunicato il programma completo delle iniziative che ci accompagneranno fino a venerdì 18 maggio. Si parte subito: da inizio settimana piazza Bertati ospiterà mostre dedicate al ciclista salese Antonio Bevilacqua. Venerdì 11, alle 21, in biblioteca a Maerne, vi sarà invece una serata con Dario Ricci che presenterà il libro “La migliore gioventù”. Si pedala poi fino a martedì 15, in auditorium San Salvatore, alle 21, Giovanni Rattini racconterà un altro libro, “Sogni a Pedali”.  Infine giovedì 17 maggio, sempre all’auditorium sempre alle 21, Claudio Gregori parlerà di un altro testo sulla storia del ciclismo e del Giro, “Da Bottecchia a Bevilacqua”.

Una serie di eventi per raccontare il passato del ciclismo aspettando il presente, in attesa della tappa che venerdì 18 maggio infiammerà Martellago e il Miranese. Da ricordare che, ovviamente, le strade principali saranno chiuse per quasi l’intera giornata di venerdì. Per non creare disagi, il Comune ha previsto l’uscita anticipata dalle scuole. I bambini delle materne usciranno da scuola alle 11:20 se usufruiscono del bus scolastico, mentre per gli altri, come per gli alunni delle elementari, le lezioni termineranno alle 12. Le scuole medie chiudono invece alle 12:40.

Matteo Riberto