Mestre si prepara a riabbracciare il suo stadio

Cresce l’attesa per il rientro allo stadio Francesco Baracca. L’intricata vicenda che vede come protagonista l’impianto storico mestrino, sta finalmente volgendo al termine e la città si prepara ad accogliere la sua riapertura nel migliore dei modi: in questi giorni l’Associazione Mestre Mia, già protagonista di molte iniziative, mostre e rievocazioni storiche dedicate alla città, ha lanciato l’idea di un ritrovo in piazza Ferretto in occasione della riapertura dei cancelli dell’ultranovantenne stadio cittadino.
Come già recentemente raccontato dal Sestante News, in questi ultimi anni lo stadio Baracca è stato al centro di una mobilitazione popolare che di fatto ne ha impedito l’abbattimento, convincendo l’amministrazione Brugnaro a tornare sui passi delle precedenti, rilevando il sito dal fondo immobiliare che lo aveva acquisito con l’accordo che fosse l’A.C.Mestre a prendersi carico delle spese per gli adeguamenti necessari. Tutto bene, tutti d’accordo, salvo poi scoprire che l’amministrazione precedente, retta dall’allora Commissario Zappalorto, aveva a suo tempo tolto l’agibilità all’impianto. Una tegola che il presidente del Mestre Stefano Serena non si aspettava di certo e che ha fatto allungare di molto i tempi e lievitare notevolmente anche i costi per poter adeguare il vecchio impianto alle nuove normative in materia di sicurezza.
Nel frattempo l’A.C. Mestre, esiliato nell’impianto di Mogliano Veneto, è arrivato a conquistare la vetta della classifica di serie D e in città la febbre per l’imminente ritorno fra le mura amiche cresce di giorno in giorno. Da qui l’iniziativa di Mestre Mia, alla quale hanno aderito fin da subito il Leo Club cittadino, l’Associazione Città di Mestre, il comitato Save Our Stadium, l’Associazione Mes3Sport e anche Roberto Venerando, il professionista mestrino recentemente giunto alla ribalta delle cronache per aver organizzato un ritrovo che ha radunato in piazza Ferretto oltre 2000 persone. Ne è scaturita la pubblicazione dell’evento sulle pagine di Facebook dal titolo “Dai che ‘ndemo al Baracca!”, che sta già raccogliendo numerosissime adesioni. L’idea è quella di organizzare una passeggiata collettiva con partenza dalla torre civica fino allo stadio, in occasione della prima partita che vedrà il ritorno degli arancioneri al Baracca. “Un modo per accogliere come si deve il ritorno della squadra cittadina – spiegano gli organizzatori – ma anche per ritrovarsi, socializzare e tornare a far rivivere il centro di Mestre”.
In un primo momento il ritrovo era stato previsto per il 29 gennaio, in occasione di Mestre – Campodarsego, ma la data per ora resta indicativa, in quanto non ci sono ancora certezze sui tempi del rilascio definitivo delle autorizzazioni. Ma niente paura: nell’eventualità che il fatidico giorno dovesse slittare di un paio di settimane, gli organizzatori si dicono pronti ad adeguarsi, perché a questo punto non è più importante il quando, ma il fatto di aver recuperato un’importante fetta della storia sportiva e sociale cittadina.
Insomma, come si dice: comunque vada (qualunque sia la data) sarà una grande festa!
Andrea Checconi Sbaraglini