Nicola Di Silvio, runner del Venice Marathon Running Team, lancia “DisabiliNolimits”

La sera del 27 Luglio, dalle ore 19:00, si terrà un evento running di carattere nazionale denominato “FreerunnerDisabiliNolimits”, gestito tramite i social forum, in particolare con il canale di comunicazione più diffuso e utilizzato: facebook. Da circa un mese Nicola Di Silvio, affermato maratoneta e atleta del Venice Marathon Running Team, sta organizzando la serata solidale a favore di “DisabiliNoLimits” di Giusy Versace in collaborazione con Venice Marathon, promotore del Charity Program madre. L’obiettivo è radunare gruppi, più o meno numerosi, nel territorio nazionale, attraverso l’ausilio di runners molto conosciuti a livello locale.

Da Milano a Siracusa, da Cagliari al paesino molisano di Petacciato, ogni “leader” si preoccuperà di fissare un luogo d’incontro, segnare il tragitto (preferibilmente tra i 5 e i 10 km) da percorrere camminando e correndo, con un post-corsa finale ricreativo allo scopo di divulgare il progetto e raccogliere fondi. Il ricavato della serata sarà versato presso il link aperto da Nicola Di Silvio (fundraiser) nella Rete del Dono. (https://www.retedeldono.it/it/iniziative/disabili-no-limits-onlus/nicola.di-silvio/freerunner-per-i-disabili-no-limit).

 

Durante la serata verranno pubblicati foto, filmati ed eventuali “live”, per condividere insieme ed in sincronia i momenti di sport e solidarietà. Al fine di gestire e divulgare l’intero programma è stata attivata una pagina sul social Facebook (https://m.facebook.com/FreerunnerDisabiliNoLimits/) con la distribuzione di volantini. Un fenomeno, quello sportivo legato alle raccolte fondi, in crescita verticale.

«Basti pensare che dalla nascita di Rete del Dono nel settembre 2011 ad oggi sono state effettuate, con un trend sempre in crescita di anno in anno, quasi 40.000 donazioni per oltre 2 milioni di euro di fondi raccolti. Di questi un milione è legato all’ambito sportivo, in particolare al running», sottolinea Nicola Di Silvio. «Un traguardo reso possibile dall’impegno di oltre 2800 “personal fundraiser” e donatori, ma anche del prezioso supporto delle oltre 850 organizzazioni non profit beneficiarie della raccolta. Ecco perché la grande sfida oggi è contagiare e coinvolgere anche il mondo del running italiano».

Giancarlo Noviello