Non fermiamoci adesso

Espugnare il Riviera delle Palme è un’impresa riuscita a pochi e il Mestre può vantarsene. Grandi protagonisti Rubbo e Sottovia (goleador) e Neto e Spagnoli (assistmen) per finire con Zironelli che ha messo in campo una formazione concentrata e cinica. Gli arancioneri sono arrivati meno volte al tiro ma sono stati implacabili e, con un gol per tempo, hanno affossato i sogni della Samb. Il primo a essere contento è Spagnoli che ha servito a Sottovia il gol che ha chiuso i giochi. «Abbiamo fatto la partita che volevamo. Era una gara difficile ma siamo stati bravi a fare gioco di squadra palla a terra andando anche sui secondi tempi. Ringrazio Dario che ha fatto un movimento perfetto liberandosi dal marcatore permettendomi di mettergli il pallone filtrante alla giusta velocità perché colpisse di prima. È stata una vittoria importante ma dobbiamo portarla a casa con la giusta mentalità senza adagiarci perché dobbiamo affrontare le prossime durissime partite con la stessa cattiveria agonistica».

Dopo di lui Rubbo autore del gol che ha sbloccato la gara. «È stata una grande soddisfazione ed è il frutto di un’azione costruita in allenamento. Vincere partite come questa da una grande scossa morale per le prossime che ci aspettano, una più difficile dell’altra. Con Neto basta andare verso la porta, sembra avere gli occhi dietro la testa, ha la grande qualità di vedere lo svolgimento dell’azione. Abbiamo battuto una delle prime della classe ma adesso dobbiamo dimostrare che valiamo il posto. Ci aspettano Salò e Reggiana, massimo rispetto ma nessun timore. Più concreti e cinici rispetto ad altre volte ma pensiamo alla salvezza, poi se arriverà qualcosa in più ce la giocheremo».

Dello stesso avviso Neto. «È stato un gran merito nostro su un campo difficile ma quella giocata è stata preparata, invece di tirare ho preferito metterla a Rubbo in posizione migliore. Sono le partite che tutti vorrebbero giocare e vincere perché contro squadre costruite per salire. Abbiamo dimostrato che non siamo inferiori a nessuno ma non possiamo mollare niente perché altrimenti manchiamo di continuità e non ce lo possiamo permettere». A chiudere Sottovia. «Vittoria che pesa per la nostra stagione e da morale per i prossimi scontri. Ora dobbiamo mantenere continuità a partire da sabato: concentrati, pronti su ogni palla senza dare spazi agli avversari. Non possiamo fermarci qui» .

Dietro questo lavoro la mano di Zironelli. «Vittoria importante perché abbiamo espugnato un campo difficile ma l’abbiamo meritato. È stata una dimostrazione di forza e abbiamo dato un segnale a tutto il campionato. È stato bello anche vedere i tifosi arrivare a San Benedetto. Il gol di Rubbo non era assolutamente in fuorigioco perché è arrivato da dietro su passaggio di prima di Neto mentre il loro era da annullare perché la nostra difesa è salita perfettamente. L’arbitro è stato perfetto in entrambe le occasioni. Ora comunque testa a Salò che ovviamente vorrà mantenere la seconda posizione ma se giochiamo così sarà dura per tutti».

G.N.P.