E ora…tutti a Jesolo!

L'Emme Retail Mestre punta al colpaccio al PalaCornaro

Cresce l’attesa nell’ambiente biancorosso per il derby di domani sera contro i cugini del Secis BC Jesolo (palla a due alle 20.45), valido per la prima giornata del girone di ritorno. Una formazione, quella litoranea, che seppur neopromossa sta disputando un campionato di prim’ordine, forte di un gruppo granitico- puntellato in estate con innesti intelligenti- costruito in anni di lavoro insieme sotto la sapiente guida di coach Max Guerra. Due sole sconfitte fin qui per Jesolo, capace oltretutto di espugnare con merito il parquet di Trivignano nel match d’andata (61-66). Otto, invece, i punti di distacco del BC Mestre nei confronti dei cugini secondi in classifica.

Impresa impossibile, dunque, tornare dal PalaCornaro con i due punti in tasca? No, perché i numeri di cui sopra non descrivono l’intero quadro e, soprattutto, non raccontano la metamorfosi dei grifoni avvenuta con il ritorno di coach Toffanin in panchina. Infatti, ad analizzare il cammino delle due squadre dopo l’arrivo del “Toffa”, ci si accorge che il ruolino di marcia è il medesimo per entrambe, con sei vittorie negli ultimi otto incontri. Supportata dai risultati, l’autostima di Prete e compagni nelle ultime settimane è decollata- al pari dell’entusiasmo dei tifosi- e nell’ambiente biancorosso il derby di domani viene vissuto con quella dose di positiva eccitazione che spesso accompagna le grandi imprese.

Riguardo l’analisi del match, sarà interessante vedere come Mestre si comporterà sotto le plance contro i due ex Mbaye e Delle Monache, una delle coppie di centri più forti del campionato. Ma Jesolo non si limita ai due lunghi: Ambrosin, a dispetto della giovane età, è già un giocatore che vale categorie superiori, mentre i vari Ruffo, Zatta (altro ex) e Matteo Maestrello non hanno certo bisogno di presentazioni . Insomma, sarà vera battaglia, tecnica, agonistica e, senza dubbio, tattica.

Proprio a proposito di ciò che attende i grifoni al PalaCornaro, coach Toffanin ha più volte ribadito come il derby contro Jesolo potesse rappresentare la cartina di tornasole sullo stato di salute della sua squadra. Conoscendo l’allenatore mestrino è ovvio che non si riferisse tanto al risultato, quanto piuttosto alla prestazione dei suoi ragazzi contro una formazione oggettivamente dotata fisicamente e tecnicamente come quella jesolana. Altrettanto scontato, comunque, che lo stesso Toffanin punti a tornare dall’ex Cavazuccherina con un successo che potrebbe far prendere definitivamente il volo ai grifoni, i quali saranno spinti al PalaCornaro da un centinaio di sostenitori al seguito: avere un sesto uomo al proprio fianco con casacca e sciarpa del BC Mestre sarebbe un importante vantaggio psicologico per la truppa dell’Emme Retail. Motivo in più per aggregarsi domani al piccolo grande esodo biancorosso.

Gino Drago