Il Padova risorge e Oscar Brevi salva la panchina

Una vittoria per il morale

Nel posticipo di Lega Pro il Padova batte la Reggiana con un perentorio due a zero, con reti di Russo e Altinier, stoppando così le velleità’ degli emiliani e ottenendo una vittoria rinfrancante dopo una settimana di polemiche e contestazioni e con il tecnico Brevi all’ultima spiaggia.

Quindi quando già si recitava il “de profundis” il Padova si rialza e lo fa in maniera perentoria portando a casa tre punti che salvano la panchina di Oscar Brevi e premiano la decisione della società, di riconfermarlo dopo la deludente prestazione contro la Sambenedettese della scorsa settimana. Potrebbe essere, questa, una vittoria della svolta per il prosieguo del campionato, ottenuta dai biancorossi contro una big del girone, attraverso una condotta di gara che ha mostrato tanta voglia di vincere dell’intero gruppo .

Questo voleva l’allenatore, tutta la dirigenza e tutti i tifosi, una prova di carattere che mostrasse il volto di una squadra che si ritiene di primo livello e all’altezza delle migliori nel suo girone. Il Padova non ha certamente giocato in maniera divina, ma ha dato un segnale importante di essere una squadra viva giocando con intensità e determinazione, mettendo alle corde una Reggiana che è riuscita a fare ben poco per vincere, in tutto l’arco dei novanta minuti, fallendo così l’assalto alla vetta della classifica.

Sicuramente un bel passo in avanti per i biancorossi che dovranno dare continuità a questa prestazione fin da domenica prossima quando affronterà il Santarcangelo, nella speranza di non ricadere nell’apatia delle precedenti gare.

Giuliana Lucca

giuliana-lucca