Il Trofeo “Opitergium” in passerella ali Europei Under 20

 Al 1° maggio 2018 mancano ancora 9 mesi. Ma gli organizzatori della corsa internazionale Oderzo Città Archeologica sono già in movimento. Dall’edizione 2017, alla classica rassegna assoluta che in 22 edizioni ha coinvolto i più grandi campioni azzurri, è abbinato il Trofeo Opitergium, una sfida per nazionali under 20 che si propone di diventare un punto di riferimento nel calendario dell’attività europea su strada. Sette Paesi hanno partecipato all’edizione inaugurale, lo scorso 1° maggio. Il successo della rassegna, vinta dagli azzurrini, ha convinto gli organizzatori della Nuova Atletica Tre Comuni che l’idea ha un futuro. E per il 2018 l’obiettivo è quello di una crescita della partecipazione, puntando al coinvolgimento di un maggior numero di nazioni.

All’inizio di luglio, una delegazione della Nuova Atletica Tre Comuni, guidata dalla presidente Francesca Ginaldi, ha incontrato a Roma il presidente della Federazione italiana di atletica leggera, Alfio Giomi, per presentargli il progetto 2018 e pianificare, con l’aiuto della Fidal, una serie di iniziative promozionali. Lo scorso weekend, poi, i dirigenti della Nuova Atletica Tre Comuni sono stati ospiti della Federazione ai Campionati Europei under 20 di Grosseto, dove, insieme ai vertici federali, hanno incontrato il presidente della Federazione europea, Sveine Arne Hansen, e il vice, Dobromir Karamarinov. Nell’occasione, grazie alla collaborazione dei dirigenti veneti Dino Ponchio e Sergio Baldo, il Trofeo Opitergium è stato anche presentato alle delegazioni nazionali presenti a Grosseto, incontrando grande interesse. Primo obiettivo del 2018, l’inserimento nel calendario dell’atletica continentale. Poi la giovane Europa sarà pronta a fare nuovamente passerella a Oderzo.         

(GIA.NOV)