Un BC Mestre da spellarsi le mani

I grifoni espugnano Oderzo nel primo atto della semifinale, adesso sotto con gara2 domenica a Trivignano

Indipendentemente da ciò che accadrà, questo BC Mestre va ringraziato; perché quella scritta dalla truppa di coach Toffanin sul parquet di Oderzo nel primo incontro di semifinale playoff, è una delle pagine più belle nella lunga storia biancorossa e rimarrà scolpita nel cuore di chi ha avuto la fortuna di assistervi e parteciparvi. Un successo all’overtime per 96-93- su un campo finora inespugnabile- giunto al termine di un match ricco di colpi di scena, contro ogni pronostico e ogni logica. Attenzione però, perché quella di Oderzo è, appunto, solo una pagina; adesso, l’obiettivo per Prete e compagni diventa scrivere un intero capitolo.

Difficile non citare i 28 punti e 6 assist messi a referto da Tonetti, in campo per tutti i 45′ di una partita intensissima; sue, tra l’altro, le due triple da distanza siderale per l’aggancio sul 66-66 e il tentativo di allungo (66-71), a far vedere i primi fantasmi al pubblico di casa. E sarebbe ingiusto non raccontare dei 21 punti di Maran, dei 17 di Cucchi, dei 16 di Fabris e delle mille cose belle mostrate da tutto il collettivo biancorosso. Chi era al PalaOpitergium, però, sa che la svolta della partita l’ha data il classe ’99 Alberto Bedin, quando il tabellone segnava 3’20” da giocare nel terzo quarto e Oderzo comandava di 14 lunghezze (56-42): stoppata perentoria su Mucic- fino a quel momento devastante- ad evitare il -16, passaggio a Fabris e appoggio a canestro sull’altro lato del campo, per poi prendersi la standing ovation di compagni e pubblico. Il tabellone, certo, segnava ancora -12 (56-44), ma in quel preciso momento il copione è cambiato e Oderzo ha perso d’un colpo le certezze acquisite.

Guai, però, a pensare di aver già scalato la montagna rappresentata dalla formazione opitergina nella strada verso un’eventuale finalissima. Anzi, adesso arriva il difficile, perché la Calorlfex Oderzo che si presenterà domenica alle 18 a Trivignano per gara2 avrà il dente avvelenato, oltre al potenziale che tutti conoscono. Di fronte a questo, il BC Mestre opporrà la propria compattezza e il grande entusiasmo, uniti all’affetto e al calore di un pubblico su cui nessun’altra avversaria può contare. Domenica, quindi, tutti a Trivignano a riempire le gradinate: l’Emme Retail merita il supporto di tutti i mestrini.

Gino Drago