Agente Trixie colpisce ancora

Non è passato inosservato al fiuto di Trixie, l’agente pastore tedesco “al servizio” della Polizia Locale di Treviso, un ragazzo italiano a passeggio in zona stazione.
Il giovane camminava nella zona limitrofa alle ferrovie con in tasca 14 grammi di hashish, quantità sufficiente ad attirare l’attenzione e l’olfatto del poliziotto a quattro zampe.
Un altro successo di Trixie a conferma dell’impegno della polizia locale recentemente impegnata nei controlli per il contrasto all’utilizzo di sostanze stupefacenti ed al mantenimento del decoro in città.
Il sindaco di Treviso Giovanni Manildo ha mostrato grande soddisfazione ed ha promesso un impegno personale maggiore nella lotta allo spaccio: “Da oggi abbiamo uno strumento nuovo che accresce i poteri e gli strumenti del sindaco in materia di decoro e sicurezza pubblica, per questo nelle prossime settimane, insieme agli agenti, effettuerò delle visite a sorpresa, per verificare le condizioni di alcune aree sensibili della città. Alcune delle misure contenute nel testo, come il Patto per la sicurezza, nella nostra città sono già in vigore. Un’ulteriore conferma del fatto che stiamo agendo bene”.
Ad accompagnare il primo cittadino ci sarà anche Roberto Grigoletto, assessore alla sicurezza e coesione sociale della città: “Treviso ha certamente fatto la sua parte. Ci ha fatto piacere ascoltare le parole del Prefetto circa lo stop ad altri arrivi in città”.
L’assessore ha poi concluso: “Il controllo dei nostri agenti davanti ai supermercati presi maggiormente di mira è costante, inoltre, grazie alla rete del controllo di vicinato alcuni referenti sono stati incaricati della funzione di sentinelle proprio per segnalare e contrastare questo fenomeno. Infine i vigili effettueranno dei controlli specifici in stazione per evitare l’arrivo, ed eventualmente rispedire al mittente, presenze non gradite in città”.

Matteo Venturini