Aprivano porte blindate con lo shampoo. Arrestate

Nella giornata di domenica scorsa, sono state arrestate due ladre seriali, intente ad aprire alcune porte blindate di appartamenti in via Pelizzo a Padova.
Nulla di strano, se non fosse che le due donne per aprire le serrature blindate delle abitazioni utilizzavano parti di plastica ricavate dai flaconi di shampoo.
Non sembra vero, ma con questo metodo innovativo quanto rudimentale, Susanna Radulovic di 20 anni e Aida Muratovic di 27 erano pratiche e seriali nei furti utilizzando questi strumenti.
Ma questa volta non è andata come le altre. In un appartamento di via Pelizzo 39, un residente, avvertiti gli strani rumori provenienti dal vano scale del palazzo, ha verificato attraverso lo spioncino della porta di ingresso che cosa stava accadendo.
Le due giovani stavano tentando la forzatura della porta del proprietario di casa che, spaventato, non ha aspettato un secondo in più per chiamare il 113.
Subito una pattuglia è accorsa ed ha bloccato le donne, verificando che tutti gli appartamenti del palazzo erano stati danneggiati dagli strumenti ricavati dalla plastica dei flaconi.
Gli agenti alla perquisizione hanno rinvenuto gli attrezzi del lavoro, appunto ricavati dall’intaglio di vecchi flaconi tipici per contenere shampoo, cacciaviti e guanti per nascondere ogni impronta digitale.
Le due ragazze, la più grande anche incinta di qualche mese, sono state arrestate con l’accusa di tentato furto.

Matteo Venturini