Bancomat Massanzago: terzo assalto in sei mesi

Inarrestabili gli assaltatori di bancomat in questi ultimi due mesi: dopo Mirano, Spinea e Saccolongo arriva la notizia di un nuovo tentativo a Massanzago.
Nuovo tentativo perché di parla del terzo caso per lo stesso bancomat, quello dell’Antonveneta di via Roma del paese in provincia di Padova.
Proprio ieri notte intorno alle 3.40 un gruppo di banditi non identificato ha preso di mira lo sportello automatico della filiale.
E ancora una volta un tentativo fallito grazie alla tecnologia applicata per gli sportelli bancomat che impedisce, nonostante l’applicazione di esplosivo, l’accesso al denaro.
Quindi ancora una volta danni notevoli alle strutture ma nessun bottino nelle mani dei delinquenti.
I banditi, dopo aver sfondato la porta a vetri della filiale, ed essere fisicamente entrati all’interno dell’ufficio., hanno applicato dell’esplosivo nella parte posteriore del bancomat.
Dopo l’esplosione il dispositivo si è completamente scagliato all’esterno della struttura, sul marciapiede che da su via Roma, facendo volare diversi detriti sino al piazzale del municipio.
Lo scoppio ha attivato il dispositivo del marker macchiando le banconote di inchiostro rosso, rendendo così vana l’opera dei ladri.
Nonostante questo i malviventi hanno arraffato alcune banconote fuggendo poi con una Bmw SW scura in direzione Noale.
L’arrivo dei carabinieri ha consentito la messa in sicurezza dello stabile prima dell’inizio della manifestazione del 25 aprile proprio in piazza.
Sono stati rilevati ingenti danni alla struttura oltre al disagio per alcuni clienti che non hanno potuto utilizzare il bancomat durante la giornata di festa.
Negli ultimi sei mesi la banca è stata presa di mira sia con un’altra esplosione del bancomat causata da alcuni malviventi, sia con una rapina durante il giorno.

Matteo Venturini