Baretta in prima linea per le vittime dei reati bancari

Banche venete, Baretta: “Clima positivo, lavoriamo per definire tempistiche e criteri del fondo di ristoro”

Si è svolto in questi giorni a Roma un incontro tra il sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, e i rappresentanti del Coordinamento delle associazioni unite per il Fondo.

Criteri di accesso, modalità di erogazione ed entità dei rimborsi del Fondo di ristoro per le vittime dei reati bancari. Sono stati questi i temi al centro dell’incontro, che si è svolto oggi pomeriggio presso la sede del Ministero dell’Economia e delle Finanze, tra il sottosegretario all’Economia Pier Paolo Baretta e i rappresentanti delle associazioni “Unite per il Fondo”, un coordinamento al quale aderiscono Adiconsum, Adusbef, Adoc, Casa del Consumatore, Codacons, Ezzelino da Onara, Federconsumatori Veneto, Lega Consumatori e Unione Nazionale Consumatori.

 Il sottosegretario e i rappresentanti delle nove associazioni hanno fatto il punto sullo stato di avanzamento del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, che dovrà rendere attuativo il Fondo di ristoro per le vittime dei reati bancari, previsto nella Legge di bilancio 2018.

“Un incontro positivo – ha commentato al termine il sottosegretario Baretta – nel corso del quale abbiamo tracciato, insieme alle associazioni, il percorso da seguire per individuare i punti fermi del decreto attuativo. È necessario, infatti, definire in maniera condivisa i criteri di accesso, le modalità di erogazione e l’entità dei rimborsi, senza trascurare le tempistiche. È da questi elementi, infatti, che dipende la riattivazione di un rapporto di fiducia tra Stato e risparmiatori, indispensabile per dare nuova credibilità al mondo del credito”.

 Il Fondo prevede una dotazione di 100 milioni di euro in quattro anni – dal 2018 al 2021 – sarà finanziato attraverso il Fondo interbancario di garanzia e il Fondo dei conti dormienti. Potranno accedervi i risparmiatori – senza distinzione tra obbligazionisti e azionisti – delle ex-banche popolari venete (Veneto Banca e Popolare Vicenza) e delle quattro banche poste in liquidazione (CariChieti, Banca Etruria, CariFerrara e Banca Marche) che sono stati vittime di un danno “ingiusto”. Il riconoscimento del danno potrà arrivare attraverso con una sentenza del giudice o attraverso il ricorso alla Camera arbitrale dell’Anac, l’Autorità anticorruzione.

 “Si tratta di un primo incontro e siamo convinti – conclude il sottosegretario Baretta – che il confronto con il mondo dei risparmiatori sia la strada giusta da seguire, è da qui che è nata l’idea del Fondo di ristoro, che la legge di bilancio 2018 ha reso strutturale senza pesare sulla finanza pubblica”.

Sara Zanferrari