Bilancio positivo dell’esodo estivo sull’autostrada A4 con

Transiti cresciuti del 2,17% e pochi incidenti

Il piano messo a punto da Autovie Venete per affrontare l’esodo estivo – che quest’anno vedeva il tratto autostradale della A4 San-Giorgio di Nogaro – Latisana, interessato dai lavori di costruzione della terza corsia, ha funzionato alla perfezione.

“Il monitoraggio 24 ore su 24 del traffico – spiega il presidente di Autovie Maurizio Castagna – e il potenziamento di tutte le squadre di operatori su strada, nel Centro Radio Informativo, nei caselli e sui piazzali, ha garantito sorveglianza, pronto intervento, coordinamento tecnico, infomobilità e puntuale comunicazione all’utenza”.

La task force messa in campo da Autovie comprendeva oltre 230 persone, al lavoro sulle 24 ore fra tecnici degli impianti, operatori di sala radio, manutentori, esattori e ausiliari al traffico dotati di 25 automezzi di cui 14 furgoni; 4 pick-up attrezzati con “forche” per sollevare veicoli; 2 scooter; 1 pick-up; 2 veicoli di servizio.

L’accurata gestione dei flussi di traffico che, come da previsioni, sono cresciuti rispetto all’estate 2016, ha consentito di contenere le congestioni e anche gli incidenti, tutti di lieve entità. Un lavoro che gli operatori di Autovie hanno svolto in stretta sinergia con le pattuglie della polizia stradale. L’ormai collaudata esperienza di collaborazione con Cav che gestisce il Passante di Mestre e con le Centrali Operative delle Concessionarie di Austria e Slovenia, ha permesso di attivare con rapidità i re-indirizzamenti (by pass) del traffico sulla A27/A28 oppure dalla A4 verso la A34 Villesse Gorizia ogni qual volta i flussi di veicoli in transitano salivano eccessivamente.

I tratti di cantiere, super segnalati e caratterizzati da limiti di velocità più bassi, durante i week end (giorni in cui i mezzi pesanti possono transitare solo in una fascia notturna molto ridotta), hanno svolto una funzione di filtraggio e rallentamento che si è trasformata in effetto positivo sulla fludità della circolazione.

 

Qualche congestione c’è stata, ma di durata relativamente breve. Per quanto riguarda i transiti, l’incremento – rispetto al 2016 – è stato del 2,17%. 4 milioni 515 mila 219 i transiti registrati quest’anno durante i week end, rispetto ai 4.419 mila 198 del 2016. Moltissimi i veicoli con targa straniera, a conferma del rinnovato appeal delle spiagge dell’alto Adriatico. Durante i primi due week end di settembre, in particolare, la A23 Tarvisio Palmanova è stata percorsa da auto, roulottes e caravan provenienti non soltanto da Austria e Germania, ma anche da molti Paesi dell’Europa Centrale.

Lucio Leonardelli