Boom di nuovi cittadini italiani a San Donà

SAN DONA’.  Tanti nuovi cittadini italiani a San Donà: 18 giuramenti in una sola giornata. Il vice sindaco, Luigi Trevisiol, ha stabilito questo record in una sola mattinata.

In cinque anni sono stati 781 i nuovi cittadini italiani di origine straniera. Nel 2008 avevano fatto richiesta della cittadinanza in 25, lo scorso anno sono stati ben 150. Quest’anno, ad aprile, sono già 80.

Aumentano di anno in anno e oggi sono circa 3 mila i cittadini italiani di origine straniera a San Donà. Circa il 10 per cento degli elettori.

“Io stesso mi sono stupito delle tante richieste”, ha detto il vice sindaco Trevisiol, “ben 18 in una sola mattinata. Non mi era mai capitato. Credo che questi cittadini stranieri qui abbiano trovato le condizioni migliori per far crescere le loro famiglie e lavorare con la massima serenità”.

La prima etnia è quella rumena. Seguono albanesi, nigeriani, marocchini, poi cittadini sudamericani o bangladesi.

In vista delle elezioni, nelle liste che sono in via di formazione tra partiti e civiche, c’è una corsa ad accaparrarsi gli stranieri ora cittadini italiani. In particolare rumeni, perché questa comunità ben integrata, arrivata in molti casi alla terza generazione, è molto compatta. Nei giorni scorsi è arrivato a San Donà anche il console della Romania a Trieste Victor Cosmin Lotreanu per un incontro con il sindaco, Andrea Cereser, a testimonianza degli ottimi rapporti della comunità rumena nel Basso Piave.

Giovanni Cagnassi