Campolongo, assunto un nuovo agente di polizia locale

CAMPOLONGO MAGGIORE. E’ entrato in servizio nella mattinata di mercoledì 1 agosto un nuovo agente della polizia locale. L’agente, assunto a tempo pieno e indeterminato, va ad aggiungersi ai due presenti attualmente nel corpo di polizia municipale.
Dopo alcuni anni, il Comune di Campolongo è tornato ad assumere personale, che negli ultimi anni era andato via via assottigliandosi in diversi uffici a causa di alcuni pensionamenti e l’impossibilità di assumere nuove risorse a causa del “blocco del personale” imposto a livello centrale.
“Nei mesi scorsi, nonostante avessimo in ruolo solo due agenti, siamo comunque riusciti a garantire tutti i servizi previsti dall’ufficio di polizia municipale oltre che avviare nuovi progetti, anche in collaborazione con i comuni limitrofi – dichiara l’Assessore alla sicurezza Luca Callegaro – Ringrazio i nostri agenti che ora, con l’introduzione del nuovo collega, potranno presidiare  con più frequenza e intensità il nostro territorio comunale, oltre che rispondere con più celerità alle richieste dei cittadini. Nel 2019 prevediamo l’assunzione di un nuovo agente a tempo part-time che sarà ulteriormente a supporto dell’ufficio”.

Prosegue dunque il “piano sicurezza” promosso e ideato dall’amministrazione comunale: dopo l’installazione di alcuni velobox per contrastare l’elevata velocità dei veicoli e che stanno dando buoni risultati nel far rallentare, prossimamente si procederà con l’installazione di alcuni varchi stradali, ossia videocamere poste in alcuni punti della viabilità che oltre a controllare la regolarità amministrativa del veicolo, registreranno costantemente anche i flussi  delle auto e saranno ottimi strumenti di controllo per la prevenzione di reati oltre che segnalare chi viaggia con auto rubate o senza assicurazione.

Dallo scorso gennaio inoltre, l’ufficio di polizia locale si è trasferito nei nuovi locali al piano terra della sede antica del Municipio, nell’ottica sia per creare nuovi spazi per le nuove assunzioni si che per facilitare l’accesso ai cittadini. Allo studio infine l’installazione in alcune arterie comunali di dossi dissuasori sempre al fine di aumentare la sicurezza viaria specie dei pedoni e dei ciclisti.

Sara Zanferrari