A Caselle in mostra oltre 660 presepi

Il Mondo in un presepe, anzi, in 660 presepi!

È la rassegna internazionale di presepi più grande nel comprensorio ed è la più bella. É a Caselle di Santa Maria di Sala, in un museo appositamente allestito e riscaldato accanto alla chiesa principale di San Giacomo. Fa parte della Rassegna “I Presepi nella Terra dei Tiepolo” che l’8 dicembre ha aperto le porte. Una struttura riscaldata di 56 metri per 11 che racchiude un universo magico, incantato, quasi fatato. La mostra è curata dall’ associazione La Nostra Vita di Angelo Pegoraro ed è a cura di Renato Brazzolotto e Roberto Gardin.

Sono 660 presepi di cui 320 da ogni Nazione e parte del Mondo: Ghana, Russia, Zambia, Francia, Tanzania, Polonia, Israele, Venezuela, Nepal, Austria, Spagna, Kenya, Malawi, Cile, Vietnam, Siria, Madagascar, Bangladesh, Ecuador, Repubblica Ceca, Svezia, Perù, Messico, Uganda, Stati Uniti, Gerusalemme e sono talmente belli che scaldano il cuore.

In ogni parte dove ci si gira, si scopre una meraviglia, un angolo nuovo, originale e bizzarro. Ci sono le pecorelle smarrite, i pastorelli che si muovono su un rullo automatizzato, le fontane che sgorgano l’acqua, il fornaio che impasta il pane, il macellaio che taglia la carne. C’è chi dorme sul muschio, chi raduna gli animali, c’è perfino la mugnaia che fa girare il mulino, c’è la sguattera che pulisce il camino, la lavandaia che fa il bucato, l’oca che mangia l’erbetta.

Ci sono presepi dentro le conchiglie, incastonati nei coralli, nelle pietre preziose, nei tronchi mozzi degli alberi, nelle tegole e nelle anfore. Ci sono presepi anche dentro le scatole, dentro le bottiglie, uno perfino dentro ai fiaschetti del vino. Sono fatti di latta, di carta, di legno, di cartone, di ferro, di roccia, di conchiglia, di foglie di fico, di plastica, di gesso, di rame, di arbusti, di resina, di terraccotta. Ci sono presepi innevati, soleggiati, stellati. Le statue: alte, basse, magre, grasse. C’è perfino un presepe dentro i barattoli della marmellata. Uno dentro a un pallone. Uno dentro a un cartone.

L’ingresso è gratuito. Gli orari della Mostra sono: lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 14.30 alle 19.30.

Sabato e domenica anche al mattino dalle 9.00 alle 12.00.

Il giorno della Vigilia, Natale e Santo Stefano: 9-12; 14.30-19.30

Sabato 31 dicembre chiuso.

Primo gennaio: 9-12; 14.30 – 19.30

Il giorno dell’ Epifania: orario continuato dalle 9 alle 19

Sabati e domeniche a venire fino al 15 gennaio (giorno di chiusura) aperta da 9-12 e 14.30-19.30

Serenella Bettin