Ci si può educare ad educare? A Mestre sì

Educare si sa non è mai stato facile. Ma bisogna farlo. Occorre farlo. La domanda è: ci si può educare ad educare? La risposta è molto semplice. Sì.

E a Mestre ne hanno fatto un corso “L’arte di educare”. Un corso di formazione per docenti di scuole di ogni ordine e grado riconosciuto dal Miur su proposta del Centro Studi Podresca di Prepotto (Udine); un centro che dello sviluppo e della conoscenza delle abilità umane ha fatto il proprio faro.  http://www.podresca.it/

La sede del corso “L’arte di educare” è Istituto Pacinotti, via Caneve, 93, a Mestre. Il 7 febbraio alle 18 c’è la conferenza di presentazione del corso. L’ ingresso è libero, aperta a docenti, educatori e genitori. Il 15 febbraio, invece, sempre alle 14.30 si tiene il primo incontro. Cinque i temi trattati nel percorso di studi.

“Il ciclo di incontri – fanno sapere dal Centro Podresca – è frutto di una ricerca innovativa per lo sviluppo delle abilità umane nell’educazione, basato sulla conoscenza, sulla pratica e sull’esperienza. Il percorso tematico vanta il primato di aver introdotto in ambito educativo lo studio delle abilità personali in modo preciso, organico e sistematico. Attraverso la conoscenza esatta dell’abilità e l’applicazione in prima persona, l’insegnante guida il bambino o il ragazzo a interagire in modo costruttivo, a esprimersi con strumenti gradualmente più raffinati e complessi, garantendo un’esperienza di insegnamento – apprendimento positiva e diminuendo i disagi e le incomprensioni.

Tema del primo incontro è “La comunicazione produce comprensione” al fine di costruire una migliore carriera scolastica mantenendo un rapporto basato sulla capacità di comprendere e collaborare. La docente è la dott.ssa Irene Tessarin.

Per informazioni contattare la segreteria del Centro Studi Podresca da lunedì a venerdì al numero 0432.713319 o scrivendo a info@podresca.it. In alternativa chiamare 347 1076941 Antonella Olivieri.

Serenella Bettin