Comitato Brenta Sicuro attivo contro l’abbandono di rifiuti e i reati ambientali

CAMPOLONGO MAGGIORE. Il Comitato Intercomunale Brenta Sicuro che si occupa dei temi della manutenzione degli argini del Brenta e delle acque minori da oltre tre anni, nell’ultimo periodo, dopo più esperienze con Legambiente nell’ambito di ‘Puliamo il mondo’, ha organizzato vari momenti di sensibilizzazione in molti comuni della Saccisica e Riviera del Brenta sul tema del rispetto dei corsi d’acqua e dell’abbandono di rifiuti.

“Abbiamo riscontrato moltissime situazioni di degrado ed abbandono di rifiuti, anche molto dannosi quali pneumatici, amianto e tanto altro, che creano indubbio danno all’ambiente ed al decoro dei nostri territori – informa il portavoce del Comitato, Marino Zamboni – Per questo è importantissimo fare campagne informative nelle scuole e coinvolgere il più possibile gli Amministratori del territorio”.

Una quarantina le iniziative portate avanti insieme a Legambiente, che hanno portato poche settimane fa addirittura al ritrovamento sugli argini del Brenta a Codevigo di 35 taniche di lattice liquido, ben nascoste dagli alberi. Pronto l’intervento del Comitato che ha recuperato il materiale pericoloso e presentato un esposto contro ignoti alla Procura della Repubblica di Padova, la quale sta indagando. Una tanica presentava un’etichetta di un’azienda di Vigonovo ed ora si sta verificando se ci siano delle responsabilità.

L’abbandono di rifiuti sulle rive e nel fiume è aumentato in maniera esponenziale. “Questo fenomeno va arginato attraverso l’aumento dei controlli, ma è fondamentale – continua Zamboni – l’informazione e la formazione, l’educazione civica ai cittadini attraverso l’impegno delle scuole e delle amministrazioni locali per la salvaguardia del nostro territorio. Deve essere una scelta istituzionale. Sicuramente mancano i soldi per fare attività sistematica di pulizia e prevenzione, ma non bisogna arrendersi”.

Impegnate in queste operazioni anche le Guardie Ambientali, attivate già in 4 comuni della Riviera: Stra, Fiesso d’Artico, Vigonovo e Fossò, il cui capogruppo fa parte del Comitato stesso. 

Sara Zanferrari