Il Consiglio riconferma l’Ufficio di presidenza: Ciambetti al vertice

Il Consiglio regionale del Veneto ha votato il rinnovo dell’Ufficio di Presidenza.
Sono stati confermati, come presidente, Roberto Ciambetti (Lega Nord),
con 37 voti, come vicepresidenti, Massimo Giorgetti (Forza Italia), per la
maggioranza, con 27 voti, e Bruno Pigozzo (Partito Democratico), per la
minoranza, con 17 voti. Come segretari, invece, sono stati eletti, Antonio Guadagnini (Siamo Veneto), per la maggioranza, confermato con 24 voti, e Simone Scarabel (Movimento 5 Stelle), per la minoranza, nominato con 17 voti.
A margine dei lavori, questi i commenti raccolti dai componenti del nuovo Ufficio
di Presidenza. Il presidente Roberto Ciambetti: “Desidero esprimere il grande orgoglio e la
soddisfazione, a livello personale, per la mia riconferma che attesta la bontà del
lavoro svolto in questi due anni e mezzo. Credo che le performance del
Consiglio regionale, in questo periodo, siano state positive, come numero di
sedute, qualità legislativa offerta, spessore delle iniziative portate avanti, che fanno dell’Organo legislativo veneto uno dei migliori, se non il migliore, Consiglio regionale italiano. Ora, dobbiamo guardare avanti, ai prossimi due
anni e mezzo, e lavorare con lo stesso spirito e impegno profusi nella prima
metà della legislatura. Sento, infatti, la forte responsabilità, sotto il profilo morale
ed etico, di continuare a lavorare nell’interesse dei cittadini veneti, per essere
sempre all’altezza delle loro aspettative ed esigenze. E’, infine, doveroso, da
parte mia, ringraziare i colleghi consiglieri, i presidenti di Commissione, lo staff
dirigenziale e tecnico, il Segretario Generale, i funzionari del Consiglio regionale
per la collaborazione offerta”.
Il vicepresidente di maggioranza, Massimo Giorgetti: “Sono molto soddisfatto
per la riconferma. Desidero ringraziare il Consiglio regionale che ha apprezzato
il ruolo, anche istituzionale, che ho svolto in questi due anni e mezzo, con
l’impegno, da parte mia, di fare ancora meglio da qui alla fine della legislatura”.
Il vicepresidente di minoranza, Bruno Pigozzo: “Ringrazio i colleghi per questa
riconferma che attesta la bontà del lavoro da me svolto al servizio delle
prerogative di ciascun consigliere. Intendo continuare su questa linea, come ho  fatto fino a ora, ritenendo che il percorso nei prossimi due anni e mezzo, fino alla fine della legislatura, sia ricco di impegni e di scadenze. Il lavoro dell’Ufficio di Presidenza ha bisogno di coesione, di una continua informazione su tutte le prerogative dei consiglieri regionali, in modo tale che vengano rispettate fino in
fondo. L’esperienza maturata negli anni scorsi ci ha insegnato come sia
necessaria massima chiarezza, che deve, quindi, caratterizzare l’attività
dell’Ufficio di Presidenza da qui fino al termine della legislatura”.

Il consigliere – segretario espresso dalla maggioranza, Antonio Guadagnini:
“Ringrazio tutti i colleghi che mi hanno votato, ma anche quelli che non mi
hanno votato. La riconferma, dopo due anni e mezzo di lavoro, attesta la bontà
dell’impegno che ho profuso. Spero di essere all’altezza del compito anche nei
prossimi due anni e mezzo”.
Il consigliere – segretario espresso dalla minoranza, Simone Scarabel:
“Ringrazio il mio gruppo per la proposta e tutto il Consiglio regionale per aver
partecipato alla votazione. E’ una grande responsabilità che sento sulle mie
spalle. Dopo l’elezione del Vicepresidente in Parlamento Europeo, credo che la
mia nomina attesti il grande impegno profuso e la forza politica assunta dal
Movimento 5 Stelle negli ultimi anni. Credo che sia doverosa la presenza del
Movimento all’interno dell’Ufficio di Presidenza: sarò una figura di garanzia per il
Consiglio e per tutti i cittadini veneti”.

Lucio Leonardelli