Cresce la collaborazione tra Fvg e la Baviera con il porto di Trieste strategico

Si rafforzano i rapporti istituzionali e commerciali tra il Friuli Venezia Giulia e la Baviera. L’occasione è arrivata dalla ventesima edizione della Transport Logistic, la più grande fiera internazionale di logistica e trasporti, a cadenza biennale, che si chiude oggi, venerdì, a Monaco di Baviera. La kermesse, sviluppatasi su undicimila metri quadrati suddivisi in nove padiglioni, ha registrato un aumento di presenze nei comparti marittimo e ferroviario, e ha visto l’Italia terzo paese per numero di espositori, dopo la Germania e i Paesi Bassi.

Presente all’evento anche l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale assieme agli operatori dello scalo di Trieste, sia all’interno dello stand della Regione Friuli Venezia Giulia, con un allestimento che ha valorizzato la vocazione ferroviaria del porto, declinata con l’hashtag #TriesteRailPort, sia all’interno dello stand coordinato da Assoporti, assieme alle altre Autorità di sistema portuale.

“Trieste è il porto naturale della Baviera e Transport Logistic è da sempre l’evento più importante nel nostro calendario fieristico”, ha affermato il presidente dell’Authority, Zeno D’Agostino, sottolineando che “rispetto a due anni fa, abbiamo fatto molti passi in avanti, stiamo crescendo molto sui collegamenti ferroviari e i dati di traffico continuano a dimostrarlo.”

“Nel primo quadrimestre di quest’anno – ha aggiunto – nel porto di Trieste sono transitati più di 2600 treni con un +20% rispetto al periodo gennaio-aprile del 2016. Questi numeri uniti ai piani di sviluppo ed espansione dello scalo, sono un ottimo biglietto da visita per gli investitori e gli operatori stranieri che abbiamo incontrato in questi giorni”.

Nell’ambito della Fiera Zeno D’Agostino e la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, hanno incontrato presso lo stand di MSC il ministro bavarese agli Affari federali, e progetti speciali, Marcel Huber affrontando, in particolare, il tema relativo al potenziamento del settore intermodale e al miglioramento della frequenza dei servizi ferroviari sulla direttrice Trieste-Baviera, nel contesto più generale teso a

“Ad oggi abbiamo 5 coppie di treni a settimana su Monaco – ha commentato D’Agostino – e abbiamo bisogno di ulteriore capacità verso questa destinazione. Grazie al supporto della Regione, stiamo collaborando con la Baviera per trovare ulteriori possibilità di frequenza e ampliamento dei servizi. Trieste e il sistema logistico regionale possono fare molto lavorando in sinergia”.

A seguire Serracchiani e D’Agostino hanno accolto presso lo stand regionale, il ministro bavarese dell’Interno, edilizia e trasporti, Joachim Hermann, che ha rimarcato l’importanza di incrementare i collegamenti via Trieste che consentono notevole risparmio di tempo, rispetto ai porti del Nord Europa, con importanti vantaggi anche dal punto di vista ambientale. L’evento organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio Italo-tedesca, si è concluso con un momento di networking promosso dalla SIOT, che ogni anno porta milioni di tonnellate di greggio in Germania, Austria e Repubblica Ceca, coprendo il 40% del fabbisogno energetico della Germania, ma il 100% della Baviera.

“Sta proseguendo – ha rilevato Serracchiani – il lavoro legato all’accordo che abbiamo firmato con il libero Stato della Baviera nel maggio del 2016”. Per quanto riguarda il contenuto degli incontri con i due ministri, “abbiamo affrontato – ha riferito la presidente – il tema della logistica, del porto di Trieste, del corridoio doganale privilegiato che stiamo cercando di ottenere sul sistema ferroviario, ma anche i temi dell’agricoltura, della cultura e della formazione professionale”.
“A ottobre – ha reso noto la presidente della Regione – ci siamo dati appuntamento a Trieste per intensificare questi rapporti e chiudere già i primi accordi operativi”.

“Herrmann – ha riferito la presidente del Friuli Venezia Giulia – ha detto una cosa che ci ha reso particolarmente orgogliosi e cioè che i rapporti con il porto di Trieste sono tali da far considerare ormai Monaco la città italiana più a nord. Questo ci dà una grande responsabilità, posto che siamo il terzo porto della Germania dopo Amburgo e Brema”

Dal canto suo il ministro bavarese ha sottolineato che “a bella presenza del Friuli Venezia Giulia alla Fiera di Monaco significa per noi molto: siamo interessati a questa collaborazione tra Friuli Venezia Giulia e Baviera e cerchiamo di intensificarla”.
“Contiamo – ha poi aggiunto Herrmann – di intensificare soprattutto i collegamenti con il porto di Trieste per raggiungere l’Adriatico, la Turchia e il Medio Oriente e per realizzare trasporti molto più veloci rispetto ai porti del nord”.

Nella fase pubblica dell’incontro con Serracchiani, presente anche Zeno D’Agostino, Herrmann ha aggiunto una motivazione ecologica alla preferenza della Baviera per il porto del Friuli Venezia Giulia. “Abbiamo interesse – così il ministro – ad abbattere l’inquinamento atmosferico e vogliamo farlo potenziando i treni”. Proprio l’intermodalità è la parola chiave con cui si presenta agli operatori lo stand regionale, collocato nel padiglione B della rassegna fieristica bavarese

Nutrito l’elenco delle aziende ed operatori presenti allo stand FVG, con il coordinamento dall’Azienda Speciale Aries della Camera di Commercio Venezia Giulia, segno che ormai il territorio regionale si configura come una piattaforma logistica unita e connessa: ASPT- ASTRA F.V.G., Consorzio ZIU – Porto Nogaro, Europa Multipurpose Terminals e Francesco Parisi, Frigomar, General Cargo Terminal, Interporto Centro Ingrosso di Pordenone, Interporto di Cervignano del Friuli, Interporto di Trieste, NEST – Rete di Imprese, Porto di Monfalcone, Samer & Co. Shipping, Santandrea, SDAG, Alpe Adria, Terminal Frutta Trieste, Trieste Marine Terminal.

“Ritengo – ha ribadito D’Agostino, intervenuto alla rasseggna fieristica anche in qualità di presidente di Assoporti – che Trieste e il Friuli Venezia Giulia hanno fatto vedere come si creano relazioni partecipando in grande spolvero ad una rassegna dove hanno partecipato tutti i più grandi player della logistica terrestre e marittima “.

Lucio Leonardelli