Dolo. Emessa ordinanza per il contenimento dell’uso del riscaldamento

Con l’ordinanza sindacale n. 49 del 25.11.2016 (pubblicazione web 2147/2016) l’Ufficio Ambiente del Comune di Dolo ha stabilito, SINO A SABATO 15 APRILE 2017 le seguenti limitazioni d’esercizio per gli impianti termini ad uso riscaldamento civile ubicati nel territorio di Dolo.0
1) La temperatura ambiente (intesa come media ponderata delle temperature dell’aria, misurate nei singoli ambienti riscaldati di ciascuna unità immobiliare) non deve risultare superiore a:
– 17 C° (+2 di tolleranza) negli edifici adibiti ad attività industriale, artigianali ed assimilabili;
– 19 C° (+ 2 di tolleranza) in tutti gli altri edifici.
2) riduzione di n. 2 ore, del periodo massimo consentito dall’art. 4 comma 2 del D.P.R. n. 74/2013 per gli impianti termici (compresi stufe, caminetti ecc.) alimentari a combustibili liquidi o solidi, da attuarsi dalle ore 16:00 alle 18:00 di ogni giorno.
3) divieto di combustione all’aperto, ai sensi dell’art. 182 comma 6-bis del D.Lgs. n. 152/2006 (D.G.R. n. 122/2015), in particolare in ambito agricolo (fatte salve le necessità di combustione finalizzate alla tutela sanitaria di particolari specie vegetali) e di cantiere, ad eccezione dei tradizionali falò dell’Epifania;
4) obbligo di spegnimento dei motori degli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, dei veicoli merci nelle fasi di carico / scarico, dei treni diesel in fase di sosta e di tutti i veicoli in corrispondenza degli impianti semaforici muniti di apposita cartellonistica di segnalazione.
I gestori di esercizi commerciali e di edifici con accesso al pubblico, devono chiudere le porte di accesso per evitare dispersioni termiche.
Le violazioni alle disposizioni saranno punite con la sanzione amministrativa da euro 25,00 ad euro 500,00 da applicarsi con le procedure stabilite dalla L. n. 689/1981.