Dolo. Scomparso a Siena il fondatore della Protezione Civile dolese. Il ricordo di chi lo conosceva ed i ringraziamenti della famiglia

Ad appena sessantacinque anni Marino Comin se n’è andato il 7 novembre scorso. Era stato consigliere comunale del comune ma soprattutto, fondatore nel 1998 della Protezione civile cui è stato a lungo presidente, e conosciuto in tutta la Riviera del Brenta per il suo impegno in qualità di Vigile del fuoco.

Comin è spirato a Siena dove si era trasferito tre anni fa, assieme alla moglie Vanda, per avvicinarsi alla figlia Alessandra. I funerali si svolti a Siena ed i volontari della Protezione civile dolese hanno partecipato numerosi. La scomparsa di Comin ha colpito tutti in paese e l’amministrazione comunale ha diramato un ricordo. “La scomparsa di Marino Comin lascia un vuoto profondo nella nostra comunità. Amico, consigliere comunale attento e appassionato, esponente politico sempre costruttivo e soprattutto fondatore e presidente, per molti anni, della nostra Protezione Civile. Nonostante da alcuni anni non vivesse più a Dolo il suo prezioso contributo non è mai venuto meno, neppure nei drammatici giorni del tornado del luglio 2015 quando la sua esperienza è stata fondamentale per ciascuno di noi”.

Anche il coordinatore della Protezione civile dolese Paolo De Gaspari ha voluto ricordare l’amico scomparso.“Tutto il gruppo comunale dei volontari, con la tristezza nel cuore, è vicino a Vanda, ad Alessandra ed a tutti i familiari. Dobbiamo praticamente tutto a lui, il fondatore e presidente per 15 anni. Ci ha insegnato quello che sappiamo , la sua esperienza di Vigile del fuoco, l’ha portato a fare nascere il gruppo ed a farlo crescere, speriamo adesso di esserne all’altezza. Marino va ricordato per la sua competenza ma anche, e soprattutto, per la sua grande umanità e per la sua incondizionata disponibilità a dedicarsi al bene comune, al territorio, alle comunità della Riviera del Brenta, e non solo”.

Commosse di tanta partecipazione e di tanta vicinanza la moglie Vanda e la figlia Alessandra hanno voluto ringraziare tutti con una lettera. “Vanda e Alessandra, moglie e figlia di Marino Comin, desiderano ringraziare con tutto il cuore quanti hanno voluto partecipare al saluto e al ricordo del loro caro. Sia partecipando alle esequie a Siena sia con la vicinanza da Dolo e dal Veneto. In particolare gli amici del Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile di Dolo che dopo anni di condivisione di molte soddisfazioni sono stati vicini in questo momento. I colleghi e insostituibili amici dell’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco per cui Marino ha lavorato tanto. I colleghi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, istituzione a cui Marino ha dato tutto. Un particolare ringraziamento va al Sindaco di Dolo Alberto Polo che ha voluto rappresentare tutti i cittadini dolesi e agli ex sindaci Maria Maddalena Gottardo, Antonio Gaspari e Claudio Bertolin che hanno voluto ricordare vent’anni di lavoro per la comunità. E naturalmente a tutti i parenti, amici di Dolo, della Riviera del Brenta e non solo che non dimenticheranno mai Marino”.

Lino Perini