Le vere anime del Porto di Venezia

Una macchina ad orologeria

Non solo polemiche, all’ombra delle grandi navi si possono scoprire eccellenze veneziane sconosciute ai più. Una tra tutte, la storica Cooperativa Portabagagli del Porto di Venezia, il braccio operativo del terminal crociere, la macchina ad orologeria dagli ingranaggi perfetti che ogni anno gestisce i bagagli di quasi un milione e mezzo di crocieristi e le provviste di bordo per più di quattrocento navi. Muscoli, resistenza, ma anche tanta, tanta organizzazione.

Quanti sono gli operatori della Cooperativa? “In piena stagione, tra la Cooperativa, il centro logistico di Malcontenta e la società Granturismo Venezia 1937 (controllata dalla Cooperativa stessa) contiamo su più di 150 operatori. – spiega Vladimiro Tommasini, per tutti Igor, il Presidente – Negli anni siamo cresciuti e siamo riusciti a mantenere tutti i posti di lavoro nonostante il crollo dei passeggeri dovuto all’autolimitazione delle compagnie per portare a Venezia solo le navi con una stazza lorda inferiore alle 96.000. Negli anni della crisi,dal 2008 a oggi, la nostra azienda è riuscita a reinserire nel mondo del lavoro tanti padri di famiglia che avevano perso il lavoro con la chiusura delle fabbriche dell’entroterra”.
Parla di crollo dei passeggeri, in cifre? “Cinquecento mila in meno rispetto al picco del 2013 (il 30% in meno circa) e duecentomila in meno rispetto all’anno scorso (-12% circa). Senza un piano industriale serio, concertato dalle istituzioni e dagli stakeholders internazionali (le compagnie di crociera) e locali (gli operatori portuali e perché no,le associazioni ed i comitati cittadini) Venezia perderà l’incredibile opportunità di essere il principale hub del Mediterraneo. Forse non è chiaro a tutti l’indotto della crocieristica a Venezia sia in termini economici che occupazionali”.
Il vostro lavoro in poche parole. “Le parole servono a poco per raccontarci, bisogna essere qui e vederei nostri ragazzi al lavoro per capire a che livelli di organizzazione siamo arrivati. Il movimento sulle banchine comincia ancora prima dell’alba quando le navi devono ancora arrivare. Vengono distribuite le attrezzature nei terminal, i nastritrasportatori, i fork lift, si posizionano le cartellonistiche e si transennano le aree operative. Poi è tutto un “fiorire” di maglie ad alta visibilità gialle. Al sorgere del sole arrivano le bambine (le navi n.d.r.) si aprono i portelloni e comincia il via vai di gabbie e carri di bagagli dalle banchine alle sale arrivi dove ci assicuriamo che i passeggeri ritrovino i loro bagagli e concludano nel modo migliore la crociera. Nel frattempo riceviamo i primi passeggeri che devono imbarcarsi, raccogliamo il loro bagaglio e diamo le prime indicazioni per salire a bordo. Il tutto sempre rispettando le norme sempre più stringenti in termini di safety e security, la nostra organizzazione infatti è certificata dal Rina sia per la sicurezza con la norma Ohsas 18001 e che per la qualità con la norma Iso 9001″.
E Cruise Logistic cos’è? “Le navi da crociera caricano i passeggeri ed i loro bagagli, ma anche tutto il vettovagliamento necessario per il viaggio (food&bevarage, hotellerie ecc). In un certo senso ci prendiamo cura dei clienti delle navi, ma anche dei loro fornitori: stocchiamo le provviste, il materiale per il ripristino delle cabine e dei ristoranti e le componentistiche tecniche nel nostro magazzino di Malcontenta e le consegniamo a bordo su indicazione della committenza. Il nostro magazzino è un deposito doganale, è dotato di una cella frigo per alimenti a temperature controllate ed è sorvegliato h24. Tutto questo è Cruise Logistic”.
Qualche sorpresa per i passeggeri più esigenti o per chi ha un pò di tempo finita la crociera?  “Anche dopo lo sbarco dalla nave possiamo pensare noi al bagaglio del passeggero che con i servizi di Easy Luggage può essere lasciato libero di scoprire Venezia con calma e poi ritrovare il suo bagaglio in hotel, in aeroporto, in stazione o addirittura a casa in Italia e all’estero. Per chi vuole inoltre mettiamo a disposizione i nostri eleganti lancioni per un transfer veloce o un tour in laguna”.
Gian Nicola Pittalis