Le polemiche infondate sui Pane e Vin

Polveri sottili. Mito o realtà?

I Pane e Vin giusti e in tempo. Sperando siano con i fiocchi

In questi giorni si parla molto di inquinamento dell’aria e visto che oggi è la giornata dell’ Epifania si parla soprattutto di inquinamento dei tradizionali Pane e Vin. Una tradizione molto attiva a Nordest che aumenterebbe le polveri sottili nell’aria, tanto da essere vietata, negli ultimi anni, in alcuni comuni.

Ma è veramente così? L’abbiamo chiesto al direttore dell’ Arpav Venezia, Loris Tomiato. “Le amministrazioni comunali – spiega – cercano di razionalizzare questi falò, è evidente che qualsiasi combustione di massa legnosa ha un impatto sull’ambiente. Ma, va trovato un equilibrio tra il rispetto della tradizione e la salvaguardia e tutela dell’ambiente”.

Il problema ci spiega Tomiato potrebbe presentarsi qualora non ogni singolo comune decida di fare un falò, ma addirittura ogni singola via, ogni singolo rione o ogni singolo quartiere.

Se questi pane e vin si fanno in ogni via – dice – allora sì c’è un problema. É evidente che siamo già sopra i limiti però l’impatto in questo caso è minimo anche perché si esaurisce nell’arco di un tempo breve”.

E per oggi come siamo messi? A Cappelletta ieri per il forte vento hanno deciso di spostare il rito a domenica 7. Ma che ci sia vento comunque, non è un male.

Il 5 gennaio infatti, secondo dati Arpav, le correnti settentrionali in quota hanno favorito il ricambio della massa d’aria con un abbattimento della concentrazione di polveri sottili, risultata poi al di sotto dei limiti di legge. Ma, occhio. Questo durerà fino a sabato e in particolar modo sulle zone costiere, perché grazie alla ventilazione nord-orientale, si avrà la concentrazione di polveri più bassa rispetto a quella registrata nell’entroterra. In pianura si tratterà di un temporaneo miglioramento perché dal fine settimana prossimo torneranno gli agenti inquinanti.

Insomma giusto in tempo per un Pane e Vin gustoso e speriamo sia con i fiocchi.

 

 

 

Serenella Bettin