Lezioni di programmazione informatica alle Elementari di Liettoli

E’ partito lo scorso gennaio alle scuole primari di Liettoli, un progetto di informatica rivolto al pensiero computazionale (coding), un modo per insegnare con semplicità ed efficacia le basi dell’informatica. Il progetto, che coinvolge 18 alunni della classe quarta e si svilupperà fino al prossimo maggio, è seguito dagli Insegnanti Giuseppe Laudani e Daniela Donà: “Nel mondo odierno – spiegano i docenti – i computer sono ovunque, oltre ad essere un potente mezzo di comunicazione. E’ importante che i ragazzi siano culturalmente preparati sull’argomento fin dalla giovane età per apprendere i concetti di base dell’informatica. Non classiche lezioni di informatica ma il progetto si prefigge di avvicinare i ragazzi al pensiero computazionale attraverso la programmazione e la realizzazione di semplici applicazioni che però trovano riscontro nel quotidiano”.
Entusiasta del progetto anche l’Assessore alla Pubblica Istruzione Mattia Gastaldi: “Ancora una volta il nostro Istituto comprensivo si dimostra all’avanguardia; dopo i successi ormai oltre Italia del laboratorio musicale, dell’Orchestra Giovanile dell’istituto, la nascita da poco anche di quella Infantile che già sta dando molte soddisfazioni, ora con questo progetto viene data la possibilità ai bambini di essere non solo consumatori di tecnologia ma soggetti attivi, cittadini del domani in grado di applicare quanto appreso per risolvere problemi e studiare soluzioni; un modo intelligente per preparare in ragazzi, seppur ancora bambini, al mondo sociale e del lavoro, che inevitabilmente in futuro sarà caratterizzato dall’espandersi dell’informatica su tutti i settori. A nome di tutta l’Amministrazione comunale ringrazio i docenti che stanno portando avanti il progetto, oltre alla Dirigente scolastica la dott.ssa Lia Bonapersona che lo ha sostenuto fin dal principio. Anche questo progetto è il frutto di una collaudata collaborazione tra Scuola e Amministrazione, per offrire sempre migliori proposte didattiche ai nostri ragazzi”.

LP