L’Interporto di Pordenone riconosciuto come hub

A Padova il riconoscimento come hub per logistica integrata e snodo internazionale

Interporto Centro Ingrosso di Pordenone S.p.A sotto la guida dell’Amministratore Delegato Giuseppe Bortolussi in collaborazione con lo staff operativo sta assumendo sempre di più il ruolo di hub per la logistica integrata e snodo intermodale. La presenza alla prima edizione di Green Logistics, salone internazionale della logistica sostenibile, dal 7 al 9 marzo alla Fiera di Padova, con il cluster degli operatori insediati nell’area, dimostra sempre più la validità di un’infrastruttura al servizio delle imprese, di un territorio a forte vocazione manifatturiera.

“Già oggi – sottolinea l’ad Bortolussi – Interporto è un’area dove sono insediate 68 aziende che danno lavoro a 780 persone, con una redditività aggregata stimata in 500 milioni di euro. La società Interporto, in questi anni ha accresciuto la propria riconoscibilità entrando in relazione con i più importanti porti ed interporti d’Italia: Bologna, Mortara, Nola, Padova, Trieste , Verona, Venezia”.

In questi anni i contatti e le conoscenze maturate nel corso delle più importanti fiere di settore a Monaco di Baviera, hanno dato ad Interporto di Pordenone un ruolo di costante crescita facendolo diventare uno degli interlocutori più autorevoli nel mondo della logistica e dei trasporti del nordest.

Nel corso del 2017 sono stati avviati importanti cantieri che, completati nel corso del 2018, renderanno Interporto Centro Ingrosso di Pordenone un’infrastruttura moderna rispondente agli standard europei.
In primis, i lavori di completamento del Centro Intermodale che avrà una lunghezza di 750 metri. Contemporaneamente è stato avviato il bando per la gestione del terminal. Inoltre sono iniziati i lavori di ampliamento del Centro Servizi, mentre è già in fase avanzata il cantiere della palazzina uffici e delle opere complementari ai magazzini del Centro Logistico.

“Va evidenziata – rimarca Bortolussi – la capacità di attrazione dell’area che ha saturato la propria offerta immobiliare. L’insediamento della Pezzutti e della Dussman era emergere sempre di più una connotazione innovativa dell’area che diventerà funzionale alle esigenze delle aziende. Interporto è un fondamentale fattore di competitività per le aziende pordenonesi. Oggi come domani.”

Lucio Leonardelli