‘L’urlo dell’acqua’: memoria dell’alluvione del 1966 a Padova e Venezia

PADOVA e VENEZIA. Tra un paio giorni ricorrerà il cinquantunesimo anniversario della grande alluvione che il 4 novembre 1966 colpì, fra l’altro, il territorio delle province di Padova e Venezia. Per non dimenticare, il ‘Consorzio di bonifica Bacchiglione’ dona alle scuole e ai Comuni un documentario che, tra ricordi e testimonianze, restituisce la voce di chi visse l’alluvione in prima persona. Attraverso la raccolta di diciotto videointerviste, la rilettura delle cronache dell’epoca e il contributo di materiali fotografici e audiovisivi amatoriali inediti, ‘L’urlo dell’acqua’  descrive il ricordo e le emozioni di coloro che vissero i drammatici eventi della calamità, subendo danni alle abitazioni, agli animali e ai terreni, insieme alle testimonianze degli uomini impegnati nei soccorsi e nelle fasi successive di ritorno alla normalità.

Un modo per non dimenticare. Per ricordare sempre ciò che è stato, che è successo e la forza di rivalsa di quegli uomini contro l’energia della natura. Non solo un ricordo ma anche un insegnamento affinché si impari dal passato sia come reagire sia come non ripetere certi errori. Gli anni sono passati ma ancora certe ferite non sono rimarginate e chi racconta rivive ancora sulla sua pelle gli incubi di quella devastante alluvione.

 

 

«Non è solo per l’importanza del ricordo che ci siamo impegnati affinché dell’alluvione, delle sue cause, dei suoi danni, delle popolazioni colpite, si continuasse a parlare – spiega il Presidente del Consorzio Bacchiglione, Paolo Ferraresso – Il Consorzio di bonifica assolve un impegno quotidiano nella salvaguardia del territorio e nella tutela dell’ambiente attraverso la gestione della risorsa idrica operando insieme a molti altri soggetti, dalla Regione ai Comuni ai singoli cittadini. La cura del territorio è, infatti, la prima misura di prevenzione, il primo e più importante argine da rafforzare. Per questo motivo vogliamo che questa memoria non si esaurisca nella durata di una commemorazione, ma continui ad essere occasione per nuove riflessioni sul presente».

Il documentario è stato realizzato dal Laboratorio di Storia Orale dell’Università di Padova con la regia di Michele Angrisani e il finanziamento del Consorzio di bonifica Bacchiglione e della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

 

 

 

Sara Zanferrari