Minacce al Sindaco Luigi Brugnaro

Brugnaro mangia una” seguito dal disegno di una pallottola sparata da una pistola, impugnata da un personaggio che indossa felpa con cappuccio, il messaggio di uno dei tre grafiti comparsi nel giorno della festa della donna in via Bacchiglione a Mestre.

Nella notte dell’otto marzo compaiono tre grafiti rispettivamente all’ingresso dei civici 4, 6, e 8 di via Bacchiglione, con un chiari messaggi di sfida contro l’amministrazione Brugnaro certamente in seguito alle decisioni controverse che han portato alla demolizione di alcune strutture del Parco Albanese (intitolato in memoria del Commissario Alfredo Albanese vittima del terrorismo),  dai più conosciuto come parco Bissuola, dove spacciatori stazionavano per gestire i loro traffici.
Un altro grafito cita “il Bissuola è nostro”, legando fortemente le minacce alla zona.
Tutti i disegni sono taggati RED, e le firme di questo artista si trovano anche all’ingresso del Parco.
Sul posto si sono prontamente portati gli uomini della DIGOS per raccogliere le elementi utili all’identificazione dei responsabili.
L’Assessore Giorgio D’Este poche ore dopo il fatto incontrava i residenti per ribadire la presenza dell’amministrazione.

Manolo Titton