‘Mira in Comune’ critica sui fondi stanziati a favore di Mira

MIRA. Il Gruppo di opposizione ‘Mira in Comune’ accoglie con favore la notizia che nella finanziaria siano state stanziate per la prima volta risorse significative per Mira e gli altri Comuni minori della Gronda Lagunare nell’ambito della Legge Speciale per Venezia.

Tuttavia, la capogruppo Lavinia Vivian commenta criticamente: “Questi soldi possono rappresentare una boccata di ossigeno per i bilanci del Comune per fare finalmente molte opere importanti per la comunità. Però allo stesso tempo osserviamo una tempistica quanto meno curiosa: lo stanziamento avviene infatti a pochi mesi dalle nuove elezioni politiche, e soprattutto dopo che appena un mese fa il sindaco ha dato il suo avvallo alla soluzione Porto Marghera per le Grandi Navi.”

Pare infatti che questa posizione presa per Mira dal sindaco Marco Dori non sia mai stata discussa in Consiglio Comunale. ‘Mira in Comune’ contesta, preoccupata che lo scavo e l’allargamento del canale dei Petroli abbia conseguenze gravi sull’equilibrio geomorfologico e ambientale di tutta la Laguna, e quindi gli impatti possano essere piuttosto significativi anche per il territorio di Mira e sulla salute dei cittadini.

Altra posizione critica del gruppo sul come a loro parere il sindaco avrebbe già deciso di spendere i fondi stanziati, “Nuovamente senza discuterne in Consiglio Comunale – continua la Vivian – senza prendere in considerazione problematiche che ormai hanno il carattere dell’emergenza; parliamo delle conseguenze dei cambiamenti climatici per esempio sulla gestione delle risorse idriche, come siccità, alluvioni, innalzamento del livello del mare, di smog, di autosufficienza energetica; o anche del problema dell’occupazione e dell’impoverimento di larghe fasce della popolazione. Sarebbe importante discutere di tutto questo, e se non ci saranno risposte dall’amministrazione sarà il nostro gruppo a porre la questione all’ordine del giorno.”

Per parte sua Dori respinge la posizione di ‘Mira in Comune’ come “Le solite polemiche. Come già detto, questi stanziamenti sono una vittoria per tutta la città, attesa e inseguita da tempo. Queste illazioni lasciano il tempo che trovano. Quando arriveranno le risorse saranno usate per il meglio e secondo quanto previsto dalla legge.”

E conclude: “Tra le ipotesi di utilizzo degli stanziamenti c’è sicuramente il miglioramento della rete fognaria, che manca in metà comune, la lotta al rischio idrogeologico, i marginamenti, i ponti mobili, e tutta la questione legata al territorio che a Mira non possiamo certo ignorare.”

Sara Zanferrari