Nuova vita per il cinema Bersaglieri, il rilancio parte dal basso

Un gran rilancio

Inizia una nuova era per il cinema Bersaglieri. E inizia già lunedì, con l’apertura di una raccolta fondi on-line per rilanciare la storica sala di Spinea. Il sistema sarà quello del “crowdfunding”: donazioni libere aperte a tutti, privati, associazioni, collettivi. Basterà entrare nel sito www.produzionidalbasso.com, sceglie il progetto “Nuova vita al Bersaglieri” e donare la somma che si vuole, con la formula che si vuole: carta di credito, Paypal, bonifico.

La raccolta fondi servirà in particolare all’acquisto dei sistemi audio-luci del cinema, che saranno utilizzati anche per le rassegne di cinema e spettacoli all’aperto.

Una chiamata alla partecipazione vera e propria dunque, alla quale i promotori intendono dare peso, anche in termini di riconoscenza: tutti i donatori potranno infatti vedere il loro nome stampato su un grande pannello collocato all’entrata del Bersaglieri e a chi donerà dai 50 euro in su verrà rilasciata una card che darà diritto a una riduzione del prezzo del biglietto su tutti gli spettacoli in programma nel 2017.

Parte così dal basso, coinvolgendo direttamente i cittadini, il rilancio del vecchio cinema Bersaglieri, fin dagli anni Settanta uno dei punti di riferimento per la cultura e lo spettacolo del territorio, anche per i comuni limitrofi. Negli anni Ottanta era stato ristrutturato, diventando il primo multisala della provincia di Venezia e uno dei primi in Veneto. Poi però sono arrivati gli anni del declino e dell’inevitabile chiusura: costi troppo onerosi e soprattutto concorrenza spietata dei grandi multisala non hanno permesso al cinema di sopravvivere e continuare.

Ci riprova ora il gruppo di cooperative Solidalia, con un progetto che prevede la trasformazione della vecchia sala di via Roma in un moderno “contenitore multimediale”, polivalente e polifunzionale, dove sarà possibile proporre e realizzare eventi culturali, cinema, teatro, musica, multimedia in uno spazio aperto a tutti: privati, associazioni e Comune.

L’obiettivo è anche quello di attivare un modello innovativo di impresa sociale, con inserimenti lavorativi di persone in difficoltà, attraverso la creatività e lo spettacolo.

«Accolgo con molto piacere l’iniziativa del gruppo Solidalia, che tanto impegno e passione sta mettendo per contribuire a conservare questo pezzo di storia di Spinea», ha detto l’assessore alla Cultura Loredana Mainardi, «il cinema Bersaglieri è da sempre uno dei luoghi della memoria e dell’identità del nostro paese, lo sforzo che come amministrazione abbiamo fatto perché non chiudesse definitivamente ha ora trovato risposta in questo gruppo al quale esprimiamo il nostro sostegno e la nostra riconoscenza».

Filippo De Gaspari