Parte a Stra il controllo di vicinato

Si è svolta nei giorni scorsi in Sala Consiliare del Comune di Stra la riunione tecnica per il Controllo di Vicinato, rivolta a numerosi nuovi volontari interessati dal progetto, ma in particolare a tutte le persone che avevano preventivamente dato la propria adesione nel corso dell’incontro informativo tenutosi il 22 marzo scorso alla presenza del sindaco Caterina Cacciavillani e degli assessori, dei comandanti della compagnia carabinieri di Chioggia e della stazione carabinieri di Stra, Andrea Mattei, del comandante della polizia locale di Stra,  maresciallo Angelo De Marco, e della responsabile regionale dell’associazione controllo del vicinato.

I Gruppi di Controllo del Vicinato stanno nascendo a livello locale con l’intento di sviluppare la collaborazione tra cittadini, istituzioni e forze dell’ordine nel difendere il proprio territorio dagli atti vandalici e dal mancato rispetto del decoro urbano (come ad esempio l’abbandono dei rifiuti). Il progetto CDV è stato attivato già da un certo tempo in diversi territori della Riviera tra cui Fiesso d’Artico, diverse frazioni di Mira,  Bojon di Campolongo e Lova di Campagna Lupia. Ora partirà anche a Stra e nelle frazioni di Paluello e San Pietro per un totale di 35 volontari in questa prima fase, i quali sulla base della geolocalizzazione e della vicinanza abitativa si organizzeranno in gruppi. Attualmente ne sono stati individuati 5, che si stanno già attivando per nominare un proprio coordinatore, il quale si occuperà dei rapporti con le istituzioni. Successivamente verranno nominati uno o più referenti che terranno i rapporti con l’Associazione Controllo di Vicinato e tutti i gruppi afferenti al territorio di Stra.

Unitamente a questo progetto, l’Assessore all’Ambiente Mario Ferraresso informa che è alla firma in questi giorni la convenzione con l’Associazione delle Guardie Ambientali d’Italia, che con i propri volontari sarà presente a breve sul territorio comunale a vigilare e, se del caso, sanzionare i comportamenti non rispettosi dei regolamenti previsti per il decoro urbano (abbandoni dei rifiuti compresi) e a tutela dell’ambiente degli animali.

Sara Zanferrari