Piazzale Candiani in mano ai teppisti

Gianantonio Furlan, titolare di IMG CINEMAS chiede aiuto al Comune per garantire il controllo di piazzale Candiani e della hall di accesso a cinema e centro culturale

Ormai non ne può più. Gianantonio Furlan è senza energie mentre deve difendere la sua creatura da un gruppo di “bulli” tra i 14 e i 16 anni che stanno rendendo invivibile Piazzale Candiani.

«Mi appello all’amministrazione comunale. Abbiamo bisogno di una mano – racconta – per garantire il controllo di piazzale Candiani e della hall di accesso a cinema e centro culturale, che ricordo è nata come condivisa».

Un gruppo di ragazzini “terribili”, infatti, sta creando da giorni problemi a quanti frequentano questo spazio. «Chiamarla baby gang forse è eccessivo ma di sicuro arrecano fastidi perché stazionano nella hall della struttura e in particolare nella zona del bar. Il Candiani, nonostante questi fatti, vorrei ribadire resta uno spazio culturale di eccellenza ma un disagio per questa situazione c’è e serve un intervento immediato. Ma vorrei chiarire che questa non è solo la hall della multisala, è anche la hall condivisa del centro culturale Candiani e quindi dobbiamo lavorare assieme per preservare quello che quest’area sta producendo e bene sul fronte culturale».

«Chiamarla baby gang forse è eccessivo ma di sicuro arrecano fastidi perché stazionano nella hall della struttura e in particolare nella zona del bar. Il Candiani, nonostante questi fatti, vorrei ribadire resta uno spazio culturale di eccellenza ma un disagio per questa situazione c’è e serve un intervento immediato. Ma vorrei chiarire che questa non è solo la hall della multisala, è anche la hall condivisa del centro culturale Candiani e quindi dobbiamo lavorare assieme per preservare quello che quest’area sta producendo e bene sul fronte culturale».

Pronta la risposta dell’Assessore alla Sicurezza Giorgio D’Este. «Non lasceremo spazio a nuove baby gang». Il messaggio è chiaro. «Le “teste calde” continuano a esserci, ma non stiamo assistendo a un ritorno delle baby gang. Ribadisco l’impegno dell’amministrazione comunale nel combattere i fenomeni di maleducazione e prepotenza denunciati recentemente al centro culturale Candiani. L’anno scorso abbiamo disgregato questi fenomeni di inciviltà, mentre in questi giorni abbiamo assistito a un paio di episodi isolati. Ma non permetteremo che si riproponga quella stessa situazione. Lavoriamo su questo».

«Alle famiglie chiedo di aiutarci, di fare attenzione a cosa fanno i nostri ragazzi; dobbiamo evitare che gruppi di ragazzi in cui 2 o 3 soggetti assumono comportamenti da arroganti o balordi facciano sì che la situazione degeneri».

Gian Nicola Pittalis