A Pietro Martire il Premio Festa di San Marco per Dolo

DOLO. Mercoledì 25 aprile, nella splendida cornice della Sala del Maggior Consiglio del Palazzo Ducale a Venezia, si è svolta la seconda edizione del premio Festa di San Marco. Consegnati 68 riconoscimenti a cittadini che si sono contraddistinti per il loro impegno verso la città.

Più di 500 persone presenti a questa festa delle “eccellenze veneziane e metropolitane”, dove sono stati premiati cittadini singoli, associazioni, ed enti vari, che hanno valorizzato Venezia e il territorio col proprio impegno, lavoro, determinazione, a volte coraggio. Premiati con un’osella in vetro di Murano ed una pergamena per mano dei propri Amministratori 32 rappresentanti dei Comuni della Città metropolitana, oltre a dipendenti del Comune e delle partecipate, a realtà economiche e a forze dell’ordine, a rappresentanti dello sport e di altre realtà che hanno contribuito in modo particolare.

A Dolo come rappresentante di eccellenza è stata scelta l’Associazione di promozione sociale “Oltre il Muro”, rappresentata e presieduta da Pietro Martire, che ha ritirato il premio dalle mani del sindaco Alberto Polo.

“Pietro ha reagito con forza alla costrizione di doversi muovere in sedia a rotelle a seguito di un incidente mentre giocava a calcio con la Camponogarese – racconta il sindaco Polo nella lettera di motivazione inviata al sindaco metropolitano Luigi Brugnaro – ​L’Associazione “Oltre il Muro” si propone di ottenere vari obiettivi nel sociale, soprattutto promuovere nelle giovani generazioni l’interiorizzazione dei valori su cui si fonda la convivenza civile, in particolare sull’uso dei parcheggi disabili e l’abbattimento delle barriere architettoniche”.
​L’Associazione è stata ed è protagonista di numerose campagne di sensibilizzazione. Nel Comune di Dolo si evidenziano le seguenti iniziative: “Vuoi il mio parcheggio? Vuoi anche il mio handicap?” che si è concretizzato nella produzione di 110 cartelli stradali posizionati nell’intero territorio comunale nei posti auto riservati ai disabili.
E “SkarozzanDolo”, passeggiata in paese su sedia a rotelle “per capire le difficoltà quotidiane delle persone con disabilità, un’occasione per tutti di vedere il mondo da una prospettiva diversa e per capire le difficoltà quotidiane che un disabile incontra”.

“All’appuntamento hanno partecipato Sindaco e Assessori della giunta – prosegue Polo – ed è stata un’occasione concreta per verificare l’accessibilità del Comune e visualizzare ostacoli e impedimenti che rendono poco accessibile o addirittura inaccessibile la cittadina ai suoi abitanti. Dopo quest’esperienza sono stati ridefiniti, riprogrammati e realizzati lavori di manutenzione straordinaria per il progressivo abbattimento delle barriere architettoniche.
​Per questi motivi sono convinto che l’Associazione di promozione sociale “Oltre il Muro”, rappresentata nella persona di Pietro Martire, meriti un segno di riconoscimento, come sintesi di concreto impegno, lavoro, solidarietà e comunità insite nella propria opera; valori che contribuiscono a rendere la Città metropolitana quell’unicum eccezionale da te elogiato”.

Sara Zanferrari