POR FESR 2014/2020 Azione 3.4.2.

Contributo a fondo perduto fino al 50% per il supporto all'internazionalizzazione in favore delle PMI.

AREA GEOGRAFICA Veneto
SETTORI DI ATTIVITÀ Agricoltura, Artigianato, Commercio, Industria,
Servizi/No Profit, Turismo, Agroindustria/Agroalimentare
BENEFICIARI PMI, Micro Impresa
SPESE FINANZIATE Promozione/Export, Consulenze/Servizi
BANDO APERTO Scadenza il 6/12/2017

I dati ufficiali dell’ultimo Rapporto Statistico, appena pubblicato, dicono
che il Veneto nel 2016 ha agganciato la ripresa e i dati tendenziali
relativi ai primi mesi 2017 confermano che l’economia veneta sta crescendo
più del contesto nazionale.

Il Pil lo scorso anno è cresciuto dell’1,2%, (a
fronte di una media nazionale del +0,9%), grazie all’export, che proprio nel
2016 ha raggiunto il suo massimo storico: con 58,2 miliardi di euro di
fatturato estero, in crescita del’1,3% annuo, il Veneto è la seconda regione
italiana per interscambio con l’estero. E proprio per incrementare
ulteriormente il livello di internazionalizzazione dei sistemi produttivi
rappresentati dai distretti industriali e dalle reti innovative, la giunta
regionale ha approvato un bando per il sostegno a progetti di promozione
dell’export, in attuazione del Programma operativo sui fondi FESR 2014-2020.

Lo ha reso noto l’assessore regionale allo sviluppo economico, precisando
che l’importo messo a bando sarà di 3 milioni di euro. La strategia
regionale individua nel facilitare l’incontro tra domanda e offerta,
nell’accesso ai servizi di orientamento e affiancamento e nella promozione
dell’internazionalizzazione, attraverso i processi aggregativi tra imprese
volti a supportare l’export, gli strumenti con cui superare le potenziali
limitazioni delle piccole e medie dimensioni delle imprese venete.

Il risultato atteso con il bando – aggiunge l’assessore – è l’incremento
della capacità di apertura commerciale e la diversificazione dei mercati di
sbocco da parte del sistema produttivo regionale, ottenuto mediante il
rafforzamento della vocazione all’esportazione e del livello di
internazionalizzazione delle imprese che operano nei distretti industriali o
che partecipano alle reti innovative regionali, in base alla legge regionale
n. 13/2014 che ha ridisegnato il quadro strutturale del sistema produttivo
veneto.

Il contributo massimo concedibile, a fondo perduto, sarà del 50% della
spesa, ma non potrà essere superiore a 150.000 euro per progetto. Ogni
progetto dovrà essere attuato da almeno 3 imprese di micro, piccola e media
dimensione (PMI) facenti parte del distretto industriale o componenti la
rete innovativa regionale. Saranno ammissibili i progetti relativi allo
sviluppo di percorsi di internazionalizzazione in grado di favorire
l’accesso e l’espansione delle piccole e medie imprese sui mercati esteri.

L’Ufficio Diretto di Matteo cappelletto è a vostri disposizione assieme alla
collega Emanuela Barbiero per ricercare di costruire la rete delle piccole
imprese e poi costruire il progetto.

 

 

Sara Zanferrari