La Quarta Porta di Portogruaro

Dopo tanto mistero finalmente si è arrivati a quello che si presenta come un decisamente di grande rilievo e domenica, alle 10, in occasione della cerimonia inaugurale, ci sarà la presentazione ufficiale alla comunità di Portogruaro della “Quarta Porta”, manufatto collocato sul piazzale antistante la stazione ferroviaria a cura della Confartigianato del Veneto Orientale che ha inteso con tale realizzazione celebrare il proprio 70° anniversario di fondazione.

Si tratta di una porta simbolica, di 9 metri di larghezza e 6 metri di altezza, in grado di rappresentare il lavoro creativo degli artigiani che rientra nell’ambito del progetto “Luce & Materia ” dell’artista Simone Simon Ostan per la progettazione e la realizzazione portato a termine con la collaborazione di altri professionisti tra cui lo Studio Arch. Mauro Peloso, l’artista Boris Brollo (che ne ha curato, in particolare, l’inquadramento storico e gli aspetti artistico-architettonici) e le ditte Giuseppe Barbuio, Mussin Luigi srl e S.IN.COS srl.

“La Quarta Porta – spiega Simon Ostan – rappresenta una sintesi architettonica delle porte esistenti della città di Portogruaro, ovvero San Giovanni, San Gottardo e Sant’Agnese, quasi tutte di origine medioevale, caratterizzate da un arco gotico. Interpretando la storia si è scelto di realizzare un opera a tutti gli effetti artigiano-artistica che contrapponesse le forme arrotondate degli archi gotici alla semplicità della linea.Le forme geometriche, quadrati e triangoli, caricano l’opera di un significato concettuale.

Infatti le misure 9x6x3 mt e gli angoli 30/60/90 che formano la struttura sono tutti multipli di 3 che nella scuola pitagorica viene considerato il numero perfetto, in quanto sintesi del pari (due) e del dispari (uno). Il tre – sottolinea l’artista – raffigura nella teoria dei numeri la superficie (altri numeri rappresentavano il punto, la linea, ecc.) e la prima superficie è a forma di triangolo.
Anche per i Cinesi il tre è perfetto, perché numero della totalità cosmica: cielo, terra, uomo. Ma al tre sono stati attribuiti significati magici e simbolici da tutte le civiltà e in tutte le epoche.
Nelle religioni, sono frequenti le triadi divine, dalla Trimurti induista (Brahma, Shiva, Vishnu) alla Trinità del Cristianesimo.
Nella città natale di Luigi Russolo non potevamo peraltro trarre spunto architettonico dalle linee forti e da colori accesi del movimento futurista.

In quanto allo sviluppo scenico – aggiunge Simon Ostan – al fine di creare una sorta di teatro simbolico che segna il passaggio ad una nuova dimensione lavorativa si è scelto di ricoprire un lato della struttura con un telo in pvc dove verranno impresse scene lavorative di tutti i settori artigianali, mentre nel retro invece verranno proiettati con la tecnica del video mapping alcuni filmati in 3d durante la giornata di presentazione.”

La Quarta Porta resterà in dotazione del Comune di Portogruaro che poi ne deciderà la sistemazione definitiva. Ciò avverrà dopo che saranno ultimate le celebrazioni programmate dalla Confartigianato per il proprio anniversario che copriranno l’intero arco dell’anno attraverso varie iniziative e vari eventi che, come sottolineato dal Presidente Siro Martin ” sono stati articolati e pensati per rendere omaggio non solo al mondo artigianale ma a tutti gli imprenditori del territorio del portogruarese, considerando comunque che quello degli artigiani è il settore trainante dell’economia di quest’area del Veneto Orientale”.

Lucio Leonardelli