Riconoscimenti esteri per l’Interporto di Pordenone

Alla Fiera della Logistica di Monaco di Baviera

Una realtà che cresce e che da tempo si è candidata a diventare un hub ferroviario per il nord e il centro Europa. Ciò grazie allo scalo con standard europei e alla presenza sul territorio del Friuli Occidentale dei corridoi Adriatico Baltico da una parte e quello mediterraneo dall’altra, e che fa di Pordenone uno snodo verso le varie direttrici e un raccordo con gli altri scali del Nordest.

Un’ulteriore conferma della rilevanza acquisita dallo scalo pordenonese e dall’interesse degli operatori del settore la si è avuta in occasione della Fiera Transport Logistic di Monaco di Baviera, la più importante per la logistica in Europa, nonché grande evento di promozione per l’intero territorio, cui l’Interporto di Pordenone ha preso parte assieme alle altre realtà del settore del Friuli Venezia Giulia.

“Abbiamo sicuramente espresso – commenta l’amministratore delegato dell’interporto pordenonese Giuseppe Bortolussi – un messaggio univoco che a Pordenone esiste una grandissima realtà nel campo della logistica e della trasportistica, in particolare quella ferroviaria. Abbiamo cercato di far comprendere che la localizzazione di Pordenone, area industriale che con altre aree industriali del Veneto ha necessità di ricevere prodotti da finire o semilavorati e di esportare i prodotti finiti, dal momento che il nostro principale riferimento è il mercato estero, in particolare la Germania, oltre a tutte le aree dell’Est Europa, soprattutto la Russia”.

Lo stand regionale del Fvg, comprendente il Porto di Trieste, il Porto di Monfalcone e diverse aziende della logistica dei trasporti, situate in Friuli Venezia Giulia, ha attratto numerosi operatori. Quello dell’interporto pordenonese è stato visitato da numerosi operatori nazionali ed esteri, la maggior parte dei quali ha chiesto informazioni per trovare sbocchi commerciali in modo da realizzare nuove opportunità di commercio.

“Abbiamo avuto – sottololinea Bortolussi – contatti con i porti del Nord Europa e Kaliningrad (Russia), in particolare, è interessato a una collaborazione nell’ambito dell’importante progetto patrocinato da noi, il Consorzio Italia Serbia”.

Nei quattro giorni di fiera, lo stand è stato visitato anche dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani e dai massimi dirigenti dello Stato libero di Baviera, a testimoniare l’importanza della piattaforma logistica regionale. Questa, vede l’interporto di Pordenone tra i protagonisti della logistica del trasporto delle merci in partenza dalle zone industriali che gravitano intorno al nostro territorio e nel ricevere merci dagli altri paesi. Interporto di Pordenone ha destato notevole interesse tra gli operatori dell’Europa orientale: oltre a Kalingrad, ci sono stati altri importanti contatti con operatori polacchi, austriaci e tedeschi.

Lucio Leonardelli