Salasso bolletta: 22 mila euro per il gas

Si è registrato un “record” negativo per una famiglia di Ponte San Nicolò in provincia di Padova: ben 22 mila euro di conguaglio gas.
Poco più di un mese fa è arrivata la sorpresa direttamente in una busta contenente il salato conto relativo al pagamento del gas domestico.
Verificato se fosse o meno un errore, è poi risultata effettiva in quanto il conguaglio si riferisce a 7 anni di erogazioni, escluse le numerose bollette pervenute negli anni (già pagate) sottostimate rispetto ai reali consumi.
La famiglia colpita dalla notizia si è rivolta immediatamente agli impiegati della Federconsumatori, anche loro stupiti per la cifra altissima e salata.
Di casi simili se ne verificano giornalmente, ma quasi mai per la cifra che dovrà saldare il nucleo familiare in oggetto.
La stessa presidente della Federconsumatori Padova Mara Bedin spiga che tutte le compagnie distributori di luce e gas, da qualche anno sul libero mercato, possono avere una differenza in bolletta di centinaia di euro, e difficilmente per cifre che si avvicinano al caso in esame. E’ bene ponderare quindi la scelta dell’operatore quando vengono promesse tariffe molto più basse rispetto alla concorrenza, per evitare poi di avere amare sorprese come questa casistica.

Matteo Venturini