San Donà: aveva abbandonato 40 vasi di vernice, individuato dalla Polizia Locale

Indagine d’altri tempi, senza l’ausilio di videoriprese e senza testimoni. Iniziata l’ultimo giorno di Carnevale quando qualcuno, confidando nella giornata di festa, ne aveva approfittato per abbandonare ai bordi di una strada della zona industriale circa 40 secchi con residui di vernice industriale, per i quali sono previste precise procedure di smaltimento. Ed era sicuro di farla franca: nessuna telecamera in giro, nessun testimone.

 Un elemento rendeva ancora più complesso risalire agli autori del conferimento: i codici prodotto di ciascun vaso erano stati accuratamente abrasi, proprio per evitare che si risalisse all’origine dei prodotti. Ma, da altri dettagli, gli agenti della Polizia Locale sono comunque riusciti a ricostruire la filiera commerciale risalendo alla ditta produttrice, quindi al distributore locale e infine all’acquirente, una carrozzeria del padovano.

Il titolare, messo alle strette, ha ammesso di aver ceduto i vasi di vernice poi abbandonati ad un commerciante sandonatese. Interrogato al Comando di via Ungheria Libera, quest’ultimo ha ammesso le proprie responsabilità. Oltre a dover rispondere davanti all’Autorità Giudiziaria, dovrà anche pagare le spese di custodia giudiziale e smaltimento dei rifiuti speciali, che ammonteranno a varie migliaia di euro. «Ringrazio la Polizia Locale per il lavoro svolto, con grande pazienza – commenta il sindaco Andrea Cereser – Le vernici sono tra i peggiori inquinanti. Vale la pena arrecare un danno gravissimo all’ambiente, per poi rischiare sanzioni decisamente molto pesanti?»

Pierluigi Tamburrini