San Donà, consegnati defibrillatori in tutte le palestre scolastiche

Uno strumento salvavita in ciascuna palestra scolastica. Consegnati tredici defibrillatori ad altrettante scuole della Città. Attuata la delibera della Giunta Comunale che, in sede di variazione del bilancio, aveva stanziato 15mila euro per questo importante presidio medico. «Si interviene in un settore delicatissimo quale è quello della strumentazione salvavita – così il sindaco Andrea Cereser – In Italia ogni anno circa 60mila persone vengono colpite da arresto cardiaco. Utilizzare un defibrillatore nei primi 5 minuti dopo un arresto cardiaco permette di aumentare fino al 75 per cento le possibilità che la vittima non subisca danni irreversibili».

I defibrillatori, forniti dalla ditta Medicasl, posti in teche protettive, sono, come da richiesta, di modello semiautomatico con un’unica coppia di piastre, integrata per l’uso sia verso un adulto che verso un bambino, per consentire maggiore prontezza di intervento. «La presenza di un defibrillatore in ogni impianto sportivo, peraltro, è dal 1° luglio scorso, un obbligo anche per le associazioni e le società sportive dilettantistiche – spiega il vicesindaco con delega allo sport Luigi Trevisiol – Quindi questa, da parte dell’amministrazione comunale, oltre che una importante dotazione alle palestre degli istituti, è anche attenzione alle società sportive che le utilizzano al di fuori dell’orario scolastico».

 

Pierluigi Tamburrini