Segnalazione anonima di illeciti anche all’università Ca’ Foscari

In Comune la segnalazione d'illeciti è anonima, più facile "fare la spia"

Norme anticorruzione applicate anche all’università grazie al nuovo sistema di segnalazione anonima di illeciti: è il servizio di whistleblowing, previsto dalla legge e da oggi – come riporta La Nuova Venezia – attivo a Ca’ Foscari. Lo stesso strumento è operativo già da alcuni mesi a Ca’ Farsetti, sede del Comune di Venezia: in questo modo i dipendenti pubblici (ma anche collaboratori o studenti) possono segnalare fatti o comportamenti sospetti, in forma anonima, chiedendo quindi che siano effettuate le verifiche del caso.

L’ateneo veneziano ha attivato una casella di posta elettronica, anticorruzione@unive.it, a cui è possibille inviare un modulo scaricabile dal sito dopo averlo opportunamente compilato. Per garantire riservatezza la mail è monitorata esclusivamente dal responsabile della trasparenza e della prevenzione della corruzione di Ca’ Foscari. Non solo: la segnalazione può pervenire anche per posta ordinaria, in busta chiusa con la dicitura “All’attenzione del Responsabile della Trasparenza e della prevenzione della corruzione dell’Università Ca’ Foscari Venezia – riservata/personale non aprire” all’indirizzo: Dorsoduro, 3246 – 30123 Venezia. Oppure tramite una dichiarazione a voce allo stesso responsabile.

Se la segnalazione dovesse essere ritenuta meritevole di approfondimento c’è la possibilità che sia aperto un procedimento disciplinare verso la persona colpevole dell’illecito: anche in questo caso l’identità del segnalante resta al sicuro, a meno che, constatata la fondatezza della contestazione, la sua rivelazione sia assolutamente indispensabile per la difesa dell’incolpato.

(n.s)