Serracchiani a Minniti: “potenziare gli organici delle Forze dell’ordine”

Potenziare in maniera stabile gli organici delle Forze dell’Ordine in Friuli Venezia Giulia per garantire la sicurezza dei cittadini in un territorio immediatamente interessato dai flussi migratori e sempre più cruciale per le tratte criminali provenienti dall’Est Europa. Lo ha chiesto la presidente della Regione Debora Serracchiani in una lettera inviata al ministro degli Interni Marco Minniti,nella quale rileva anche la necessità di “porre allo studio l’avvio di rimpatri”.

“Si sta delineando un clima di allarme sociale legato al susseguirsi di fatti di cronaca che vedono troppo spesso al centro cittadini di origine straniera”, ha scritto Serracchiani al ministro, segnalando come “nelle ultime settimane diversi sono i casi che rendono sempre più diffuso un sentimento di paura e incertezza, che rischia di minare un clima di abituale pacifica convivenza, ottenendo l’effetto aggiuntivo di rendere molto più complesso lo sforzo di gestione dei migranti sul territorio regionale”.

Da qui la richiesta che siano poste in atto “tutte le misure più opportune per arginare il montare di un clima sociale che sta trasformando il disagio in rabbia”. E ciò, ha evidenziato la presidente del Friuli Venezia Giulia, “anche per scongiurare confusione e sovrapposizioni di ruoli, laddove si vedono alcuni amministratori locali ambire a rendersi succedanei delle Forze dell’Ordine, o riproporre forme di volontariato per la sicurezza già sperimentate senza successo in passato”.

Nella lettera al ministro Minniti la presidente ha anche ricordato come “la Regione si sta sforzando di agire al massimo, sostenendo i Comuni che accolgono e promuovendo campagne informative di comportamento presso i migranti che giungono sul territorio”. Tuttavia per Serracchiani “qualunque sforzo supplementare non può che essere insufficiente, se non è massimo da parte dello Stato l’impegno di prevenire e reprimere, prima che si organizzi, questa nuova criminalità distante per lingua, tradizioni e cultura”.

Ecco dunque che “a fronte di qualsiasi esigenza di riorganizzazione del sistema di pubblica sicurezza, esorto a non mettere in secondo piano la necessità di una presenza numericamente adeguata, coordinata e capillare, di tutte le forze che garantiscono la sicurezza dei nostri cittadini”. Non solo: “ti chiedo al contempo – così la presidente al ministro – di porre allo studio, ove possibile e contemplato, l’avvio di rimpatri, che potrebbero avere un significato simbolico e deterrente soprattutto nei confronti degli elementi meno integrati”.

“Il Friuli Venezia Giulia è una regione tranquilla, ma proprio perché meno abituata a subire scossoni sociali, soprattutto nelle sue fasce più deboli – donne e anziani – potrebbe esprimere reazioni inattese”. Così Serracchiani ha concluso il suo appello alle Autorità centrali, non senza richiamarsi anche agli ultimi tragici eventi di Berlino, che hanno sicuramente aggravato le percezioni di insicurezza in quanto si sommano agli altri colpi subiti nel corso di quest’anno, che ha visto la perdita dei nostri corregionali Giulio Regeni, Marco Tondat e Cristian Rossi.

Lucio Leonardelli