Si prepara l’edizione numero 40 di Riviera Fiorita

RIVIERA. Passata per la sua organizzazione, dal 1977 ad oggi, di mano in mano fra associazioni varie,  enti ed organizzatori diversi, Riviera Fiorita arriva all’importante  traguardo della 40esima edizione sempre giovane ed indenne da eventuali ridimensionamenti che avrebbero potuto colpirla.

Quando si tratta di manifestazioni che si sorreggono su contributi in parte pubblici e in parte privati, che hanno come unico fine la promozione del territorio e non hanno finalità di lucro, è comprensibile come ci possa essere il rischio di venire prima o poi messi un po’ da parte.

Al contrario Riviera Fiorita arriva alla sua 40esima candelina in forma smagliante, arricchendosi sempre più di iniziative nuove e convivialità che contribuiscono a creare opportunità molto interessanti per l’economia locale.

Evento principe, che arriva in qualità di festa conclusiva e coinvolge la maggior parte dei Comuni del Brenta, è la tradizionale sfilata di imbarcazioni storiche del Comune di Venezia e i “legni” di rappresentanza delle società remiere di voga alla veneta da Stra a Malcontenta.

Gli appuntamenti in cartellone cercheranno di reinterpretare l’ispirazione originaria della manifestazione attraverso nuove e moderne forme di espressione culturale e popolare. Le attività tradizionali si integreranno a nuove proposte, cosicché ai cittadini venga ripresentata la piacevolezza dell’esperienza folcloristica, mentre ai turisti saranno offerte numerose occasioni di scoperta del territorio.

Fervono dunque i preparativi per questa quarantesima edizione organizzata dal Consorzio delle Pro Loco BrentAdige in stretta collaborazione con l’Unione dei Comuni Città della Riviera – Campagna Lupia, Dolo, Fiesso d’Artico, Fossò – e San Servolo s.r.l., con i Comuni di Camponogara, Mira, Stra, Vigonovo  e Venezia, con il sostegno dell’Associazione Cavalieri di San Marco E.M., con il contributo e patrocinio della Città metropolitana di Venezia e con il patrocinio della Regione Veneto.

Si partirà ufficialmente il 2 settembre con una serata d’intrattenimento proposta dalla Proloco e Amministrazione di Fossò, e si concluderà come da tradizione  la seconda domenica del mese con il corteo acqueo.

 

 

 

Sara Zanferrari