Stra. Primo Piano degli Interventi effettivo

Nella seduta del 27 ottobre scorso, il Consiglio Comunale – all’unanimità – ha provveduto ad approvare, nel rispetto delle linee preferenziali dettate del PAT (Piano Assetto Territorio), il primo effettivo Piano degli Interventi (P.I.) ovvero lo strumento di pianificazione delle azioni attuative che attengono ad un ordinato assetto territoriale e ordinato sviluppo urbanistico di Stra.
Questo Piano si qualifica principalmente per avere incorporato i concetti di nuova generazione che stanno alla base delle regole urbanistiche esprimendo parametri e concetti a beneficio della pianificazione, infatti i primari aspetti che si riconoscono in questo strumento generale attengono alla conservazione, alla riqualificazione del tessuto urbano, al rinnovamento del patrimonio edilizio esistente fissando criteri, regole e strumenti capaci di educare verso una edilizia sostenibile intesa come qualità del costruito indirizzato a tutti gli aspetti territoriali quali il contenimento di consumo del suolo e la tutela idrogeologica ed ambientale.
L’approvazione unanime ottenuta è un riconoscimento del corretto e trasparente lavoro svolto nelle complesse fasi procedimentali che si sono succedute nel percorso di formazione del Piano, basato su una visione d’insieme del territorio, piuttosto che su vantaggi o svantaggi che possono derivare ai singoli dalla pianificazione manifestata.
Importante contributo va riconosciuto ai cittadini che, presenti ed attenti durante gli incontri pubblici promossi, hanno partecipato nella successiva fase di adozione mediante la presentazione di ben 118 osservazioni quali espressioni formali di civica collaborazione; tutte le osservazioni sono state correttamente esaminate sotto il profilo della coerenza con gli obiettivi di riqualificazione del territorio.
Il contenuto del Piano degli Interventi è stato ulteriormente valorizzato dall’approvazione della “Variante Verde” , una variante richiesta da alcuni proprietari terrieri con l’obiettivo di scongiurare il consumo del suolo e nuove edificazioni oltre a consentire agli stessi di risparmiare sulle imposte per i beni immobili – necessità derivante dall’attuale stagnazione e congiuntura economica che attanaglia e blocca il settore edilizio.
Ora il Piano approvato è in fase di pubblicazione che, trascorsi 15 giorni, ne determina la sua efficacia ed applicazione.

(L.P.)