Treviso, a carnevale sfila il carro della solidarietà

Realizzato da studenti e ospiti della casa di riposo. Centro chiuso il 28, un premio anche alle vetrine

Sarà la solidarietà, e non la satira, quest’anno ad aprire la sfilata del carnevale, grazie a un carro realizzato da Israa, scuole Carducci e cooperativa Solidarietà. È una delle novità del carnevale trevigiano, che vivrà il suo culmine il 28 febbraio con la sfilata in centro storico.
Quest’anno la giunta ha pensato per tempo a un “piano B”: in caso di pioggia la manifestazione sarà spostata a sabato 4 marzo.
La regia del carnevale trevigiano è sempre di Sergio Balljana, che quest’anno per la prima volta ha dovuto conquistarsi questo ruolo vincendo il bando aperto dal Comune; grazie anche al fatto che ha portato con sè uno sponsor, che permetterà di contrarre i costi della manifestazione: Ascopiave.

 

Venti i carri che sfileranno e che saranno in concorso per aggiudicarsi il premio Città di Treviso, più altre quattro attrazioni fuori gara. Una di queste è proprio il carro dell’orto solidale. Già da cinque anni Israa, Carducci e Cooperativa Solidarietà collaborano per unire in un’attività che si articola durante tutto l’anno anziani, bambini e disabili. Quest’anno la collaborazione ha dato origine a un carro mascherato, che avrà come tema l’orto e la biodiversità, come metafore della convivenza tra persone diverse. Un centinaio le persone che ci hanno lavorato.

«Sarà un carro modesto, che non potrà certo competere con quelli dalle grandi sceneggiature», spiega Lucio Carraro, che ha collaborato al progetto, «ma è stato fatto con il cuore. Ha fatto nascere nuovi rapporti personali, e ha fatto vivere un’esperienza stimolate a molte persone».

Altra novità del carnevale 2017 è il concorso “Lo spirito del carnevale”, indetto dalle associazioni di categoria. Verrà premiata la vetrina a tema più bella, scelta dalla stessa giuria chiamata a giudicare i carri. «Un modo per rendere più colorata la città, sperando che i turisti che vengono alle mostra respirino anche qui il clima del carnevale», ha spiegato Sirin Kana’a di Rivivere Treviso.

Partenza e percorso non cambiano rispetto alla tradizione. Il via alle 14 da piazzale Burchiellati, poi viale Fra’ Giocondo, viale D’Alviano, porta Santi Quaranta, Borgo Cavour, via Canova, piazza Duomo, via Cesare Battisti, piazza Pio X, piazza Vittoria, via Cadorna, Corso del Popolo, via XX Settembre. All’arrivo in piazza Aldo Moro ci sarà la giuria, composta da un rappresentante di ogni carro, i rappresentanti di Ascom, Rivivere Treviso, Artigianato Trevigiano, Confesercenti e il presidente della giuria Pietro Giomi, dal carnevale di Viareggio,
che decreteranno il vincitore della sfilata, e gli altri classificati che riceveranno una targa dalle associazioni di commercianti. Martedì 28 la città, nelle zone della sfilata, sarà chiusa al traffico dalle 13 alle 19, mentre il put esterno resterà aperto.

(n.s.)