Tutta la notte per domare l’incendio

Le operazioni dei vigili del fuoco sono andate avanti tutta la notte con l’obiettivo di spegnere l’incendio che ha interessato l’impianto Eco-ricicli Veritas di Fusina di Marghera (VE).
Proprio ieri mattina, intorno alle 10, è divampato un incendio che ha provocato una grossa nube nera, tra le non poche preoccupazioni dei limitrofi residenti della zona.
L’incendio è stato provocato da un residuo incandescente entrato a contatto con materassi, legno e ingombranti di vario genere, pronti per essere sminuzzati dall’impianto.
L’intervento dei vigili del fuoco è stato fondamentale e di lunga durata nonostante le fiamme fossero già circoscritte da ore.

Foto esclusive ilsestantenews.it

In totale nel breve periodo sono accorse ben 9 squadre dei vigili del fuoco, 3 autopompe, 2 autobotti, un’autoscala e 3 squadre di supporto.
Anche gli addetti dell’Arpav si sono messi subito al lavoro per verificare la qualità dell’area, affermando che “Non sussiste alcun pericolo per la popolazione e non vi è la necessità di prendere precauzioni particolari perchè la situazione è del tutto sotto controllo”.
Quindi tutti gli allarmismi sulla pericolosità della nube sono stati smentiti e lo stesso Comune di Venezia oltre alle istituzioni hanno confermato che lo stato di allerta non sussiste.
Nel frattempo, già da ieri pomeriggio, sono in funzione in via Beccaria (Marghera) e al San Giuliano le centraline con alto volume e i canister per il controllo dell’aria.

Matteo Venturini